CITTA DI PIAZZA ARMERINA

Testo completo

(1)

Copia conforme all’originale per la pubblicazione on-line

CITTA’ DI PIAZZA ARMERINA

(Provincia di Enna)

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

N.89 / del Reg. …… data 16-10-2012

OGGETTO: Modifica delibera n. 66 del 25-08-2011 – Approvazione del nuovo Regolamento per la disciplina dell’addizionale comunale Irpef esistente, con aumento delle aliquote ed ampliamento della fascia di esenzione.

L’anno duemiladodici, il giorno sedici, del mese di ottobre, alle ore 19,00 e segg., nell’aula delle adunanze consiliari del Comune, convocato dal Presidente del C.C., si è riunito il Consiglio Comunale.

Alla prima convocazione di oggi, partecipata ai Sigg. Consiglieri comunali a norma di legge, sono presenti al momento della votazione:

CONSIGLIERI PRES. ASS. CONSIGLIERI PRES. ASS.

1 GAGLIANO CARMELO X 11 AZZOLINA FRANCESCO X 2 TREBASTONI MICHELANGELO X 12 FAILLA CALISTO X 3 FIORIGLIO BASILIO X 13 PICICUTO IVAN X

4 PATERNICO’ ROSARIO X 14 INCARDONA RENATO X

5 CENTONZE CALOGERO X 15 CALAMAIO RICCARDO X 6 CURSALE CALOGERO X 16 VENEZIA GIUSEPPE X 7 FALCONE GIUSEPPE X 17 CATALANO GIUSEPPE X 8 MAROTTA GIUSEPPE X 18 MONASTERI FABIO X

9 CAPIZZI GIUSEPPE X 19 VITALI FILIPPO X 10 ADAMO ILENIA X 20 LOTARIO EDUARDO X TOTALE 12 8 Partecipa il Segretario Generale Dott.ssa Carolina Ferro. Il Presidente, Giuseppe Venezia,constatato il numero legale dei presenti per la validità della seduta, che è pubblica, invita i consiglieri a votare.

IL CONSIGLIO COMUNALE

Premesso che sulla proposta che si allega alla presente deliberazione per farne parte integrante e sostanziale sono stati espressi tutti i pareri previsti dalle norme vigenti;

Udita l’introduzione sull’argomento svolta dal Presidente;

Preso atto della discussione e degli interventi di cui alla nota verbale allegato sub “A”;

Visto l’art. 3 della L.R. n. 10/91;

Vista la L.R. 30/2000;

Con voti espressi nei modi di legge;

DELIBERA Di approvare l’infrariportata proposta di deliberazione.

(2)

Verbale n° 89 del 16 ottobre del 2012 avente ad oggetto : modifica della deliberazione n° 66 del 2011 approvazione addizionale Irpef.

Illustra la proposta il Presidente del Consiglio Comunale leggendo i verbali della commissione bilancio e il parere reso dal collegio dei revisori.

Interviene il consigliere Capizzi il quale rileva che la Commissione bilancio non si è potuta esprimere su questo punto e chiede quindi che sia il segretario generale a stabilire se il consiglio comunale può continuare nella trattazione del punto.

Inoltre rileva che la proposta di deliberazione non era stata sottoposta alla commissione per esprimere il parere.

Il Segretario Generale, opportunamente interpellato, legge il verbale della commissione bilancio rilevando che il punto è stato trattato dalla commissione bilancio e che come in altre occasioni la commissione si è rimessa alla volontà del consiglio.

Infine il segretario generale riferisce al consiglio che il rilievo sollevato dal Capizzi in ordine alla mancata consegna della proposta deliberativa alla commissione non è motivo contenuto nel verbale della commissione bilancio.

Il Presidente del Consiglio comunale chiariti i rilievi mossi dal consigliere Capizzi pone all’ordine del giorno il regolamento per l’addizionale Irpef e procede alla votazione per appello nominale degli articoli del regolamento iniziando con l’articolo 1.

Art. 1 legge l’articolato il Presidente del Consiglio :

pone ai voti l’articolo 1 per appello nominale che avrà il seguente esito.

Gagliano : contrario

Fioriglio : contrario per mancanza di concertazione con l’amministrazione comunale Marotta : contrario

Capizzi : contrario

Adamo : favorevole perché supportato da quanto detto dal Segretario G.

Azzolina : favorevole Picicuto : contrario Calamaio : favorevole Venezia : favorevole Catalano : favorevole Monasteri : favorevole Lotario : favorevole

Esito della votazione 12 presenti e votanti, 7 favorevoli e 5 contrari.

L’articolo 1 è approvato.

Art. 2 legge il Presidente del Consiglio : pone ai voti l’articolo 2

Gagliano : contrario

Fioriglio : contrario per mancanza di concertazione con l’amministrazione comunale Marotta : contrario

(3)

Capizzi : contrario

Adamo : favorevole perché supportato da quanto detto dal Segretario G.

Azzolina : favorevole Picicuto : contrario Calamio : favorevole Venezia : favorevole Catalano : favorevole Monasteri : favorevole Lotario : favorevole

Esito della votazione 12 presenti e votanti, 7 favorevoli e 5 contrari.

L’articolo 2 è approvato.

Art. 3 legge l’articolo il Presidente del Consiglio Comunale pone ai voti l’articolo 3 per appello nominale

Gagliano : contrario

Fioriglio : contrario per mancanza di concertazione con l’amministrazione comunale Marotta : contrario

Capizzi : contrario

Adamo : favorevole perché supportato da quanto detto dal Segretario G.

Azzolina : favorevole Picicuto : contrario Calamio : favorevole Venezia : favorevole Catalano : favorevole Monasteri : favorevole Lotario : favorevole

Esito della votazione 12 presenti e votanti, 7 favorevoli e 5 contrari.

L’articolo 3 è approvato.

Art. 4 il Presidente del Consiglio Comunale legge l’articolo pone ai voti l’articolo 4 per appello nominale

Gagliano : contrario

Fioriglio : contrario per mancanza di concertazione con l’amministrazione comunale Marotta : contrario

Capizzi : contrario

Adamo : favorevole perché supportato da quanto detto dal Segretario G.

Azzolina : favorevole Picicuto : contrario Calamaio : favorevole Venezia : favorevole Catalano : favorevole Monasteri : favorevole Lotario : favorevole

Esito della votazione 12 presenti e votanti, 7 favorevoli e 5 contrari.

(4)

L’articolo 4 è approvato.

Articolo 5 : legge l’articolo il Presidente del Consiglio Comunale Pone ai voti l’articolo 5

Il Presidente del Consiglio pone ai voti l’articolo 5 per appello nominale Gagliano : contrario

Fioriglio : contrario per mancanza di concertazione con l’amministrazione comunale Marotta : contrario

Capizzi : contrario

Adamo : favorevole perché supportato da quanto detto dal Segretario G.

Azzolina : favorevole Picicuto : contrario Calamaio : favorevole Venezia : favorevole Catalano : favorevole Monasteri : favorevole Lotario : favorevole

Esito della votazione 12 presenti e votanti, 7 favorevoli e 5 contrari.

L’articolo 5 è approvato.

Successivamente Il presidente del Consiglio Comunale pone ai voti l’intero regolamento comunale.

Presenti 12 consiglieri comunali che per appello nominale votano nel seguente modo :

Gagliano : contrario Fioriglio : favorevole Marotta : contrario Capizzi : contrario Adamo : favorevole Azzolina : favorevole Picicuto : contrario Calamaio : favorevole Venezia : favorevole Catalano : favorevole Monasteri : favorevole Lotario : favorevole

Esito della votazione 12 presenti e votanti, 8 favorevoli e 4 contrari.

IL CONSIGLIO COMUNALE Con voti 8 favorevoli e 4 contrari.

Approva

Il regolamento sull’addizionale Irpef.

(5)

COMUNE DI PIAZZA ARMERINA

(Provincia di E N N A )

REGOLAMENTO PER L’APPLICAZIONE DELL’ADDIZIONALE COMUNALE

ALL’IRPEF

Approvato con delibera del Consiglio Comunale n._____ del ________

(6)

Art. 1 - Oggetto del regolamento, finalità ed ambito di applicazione Art. 2 - Aliquota di compartecipazione dell’addizionale

Art. 3 - Esenzione Art. 4 - Modifica

Art. 5 - Disposizioni finali

(7)

Art. 1 Oggetto e finalità

1. Il presente regolamento, adottato in esecuzione alle disposizioni contenute nell’art. 52 del Decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446, nonché nel rispetto dei principi contenuti nel Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267 e successive modificazioni ed integrazioni, riporta la disciplina in via generale per l’applicazione dell’addizionale comunale all’imposta sul reddito delle persone fisiche di cui al D.Lgs 28 Settembre 1998, n.360 e successive modificazioni ed integrazioni;

Art. 2 Aliquote di compartecipazione dell’addizionale

1. L'aliquota dell'addizionale comunale all'imposta sul reddito delle persone fisiche, di cui al comma 3 dell'art. 1 del D.Lgs. 28 settembre 1998, n. 360, è fissata nella misura massima dello 0,8%, prevedendo le seguenti aliquote differenziate nel rispetto del principio della progressività:

REDDITO IMPONIBILE LORDO ALIQUOTA

fino a 15.000 euro 0%

oltre 15.000 e fino a 28.000 euro 0,60%

oltre 28.000 e fino a 55.000 euro 0,65%

oltre 55.000 e fino a 75.000 euro 0,75%

oltre 75.000 euro 0,80%

2. Le modalità applicative dell’addizionale ad aliquote differenziate, deve avvenire per “fasce di reddito”, così come sopra evidenziate. Le aliquote determinate per ciascuna fascia, vengono applicate all’intero reddito imponibile che vi ricada nel suo complesso, così come indicato dal M.E.F.;

Art. 3 Esenzione

1. L'addizionale di cui all'art. 1 del presente Regolamento non è dovuta se il reddito complessivo lordo determinato ai fini dell'imposta sul reddito delle persone fisiche non supera l'importo di Euro 15.000,00 lorde. In base a quanto previsto dal terzo periodo del comma 3-bis dell’art.1 del D.lgsvo 28/09/1998 n.360, tale soglia viene intesa come limite di reddito al di sotto del quale l’Addizionale Comunale all’Imposta sul reddito delle persone fisiche non è dovuta e, nel caso di superamento del suddetto limite, la stessa si applica al reddito complessivo prodotto;

2. In assenza di nuova deliberazione, l’aliquota per l’anno in corso si intende prorogata per gli anni successivi, salvo quanto diversamente stabilito dalla legge.

Art. 4 - Modifica al presente regolamento

La competenza per la modifica del presente regolamento è disciplinata dall'art. 42 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, salvo le deroghe previste dalle Leggi della Repubblica nei limiti espressi di cui all'art. 1, comma 4, dello stesso decreto.

Art. 5 - Disposizioni transitorie e finali

1. Per quanto non previsto dal presente regolamento si applicano le disposizioni di legge vigenti.

2. Il presente regolamento entra in vigore il 01/01/2012

(8)

Firmato Firmato Firmato

Il Consigliere Anziano Il Presidente del C.C. Il Segretario Comunale

___________________ __________________ ____________________

____________________________________________________________________

CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE

Il sottoscritto Segretario Comunale, in applicazione della L.R. 3/12/1991, n.44, su conforme attestazione del Messo Comunale, CERTIFICA che il presente atto è stato affisso all’Albo Pretorio di questo Comune per quindici giorni consecutivi dal 05/11/2012 al 19/11/2012 (art.11, comma 1°) L.R. 44/91.

Piazza Armerina, lì 20/11/2012

IL MESSO COMUNALE IL SEGRETARIO COMUNALE ___________________ __________________________

ATTESTATO DI ESECUTIVITA’

Il sottoscritto Segretario Comunale, visti gli atti d’Ufficio, attesta che la presente deliberazione è divenuta esecutiva il giorno _________________________

Art. 12, comma 1° (essendo trascorsi 10 giorni dalla data di inizio della pubblicazione) Art. 12, comma 2° L.R. 44/91 (delibera immediatamente esecutiva).

Piazza Armerina, lì _________________

IL SEGRETARIO COMUNALE

_______________________

figura

Updating...

Riferimenti

Updating...

Argomenti correlati :