• Non ci sono risultati.

CREDITI FORMATIVI RICHIESTI : 10

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2022

Condividi "CREDITI FORMATIVI RICHIESTI : 10"

Copied!
9
0
0

Testo completo

(1)

FEDERARCHITETTI

SEZIONE TERRITORIALE DI ROMA

Codice fiscale 97528090588 partita IVA 11219581003 R.E.A. 1341361 www.federarchitettiroma.it – info@federarchitettiroma.it 00192 – ROMA, via Paolo Emilio n° 7 – tel.+39.06.3243317 – fax

+39.06.32647392

In collaborazione con

PRIMO CORSO DI AGGIORNAMENTO 2015 DI 40 ORE PER COORDINATORI DELLA SICUREZZA

Ex allegato XIV del Dlgs 81 del 08/04/2008 e s.m.i.

dal 25 febbraio al 26 Marzo 2015

CREDITI FORMATIVI RICHIESTI : 10

La sezione di Roma di FEDERARCHITETTI, in collaborazione con la Direzione Regionale del Lazio dell’INAIL ha organizzato il PRIMO corso di aggiornamento dell’anno 2015 di 40 ore per Coordinatori della Sicurezza, di cui all’allegato XIV del Dlgs 81/08 e s.m.i. che si terrà dal 25 FEBBRAIO AL 26 MARZO 2015, per il quale il Consiglio dell’Ordine degli Architetti di Roma, previo parere favorevole del Comitato Tecnico Scientifico, con verbale del 3/11/2014 ha deliberato di richiedere al CNAPPC il riconoscimento, agli architetti partecipanti, di 10 crediti formativi, trattandosi di una replica dei corsi precedentemente svolti dei quali viene riproposto il medesimo programma.

Al termine del corso, le cui lezioni saranno tenute secondo il programma di massima allegato in calce, sarà rilasciato un attestato di frequenza, che conferma la validità dell’abilitazione a svolgere le funzioni di coordinatore della sicurezza, ed è valido ai sensi dell’art. 98 comma 2 del Dlgs 81/08 e s.m.i. in quanto Federarchitetti aderisce a Confedertecnica, che ha sottoscritto il CCNL di lavoro dei dipendenti degli studi professionali ed è stata riconosciuta “parte sociale” dal Ministero del Lavoro, che con separata lettera ha riconosciuto esplicitamente la legittimità dei corsi abilitanti in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro tenuti da Federarchitetti .

COSTO:

Per i colleghi già iscritti a Federarchitetti o che decidessero di iscriversi in questa occasione

€uro 280,00 oltre al pagamento (o al rinnovo per gli iscritti che non avessero ancora provveduto) della quota di iscrizione al sindacato (€ 20,00) che avrà validità per l’anno 2015

Per i colleghi non iscritti e/o che non volessero o non potessero, a norma di statuto, iscriversi a Federarchitetti

€uro 320,00 + IVA (22%)

NOTA BENE: NON POSSONO ISCRIVERSI A FEDERARCHITETTI, a norma di Statuto, i tecnici diplomati e gli architetti o gli ingegneri dipendenti (con busta paga), gli architetti o gli ingegneri che esercitano la libera professione in forma di prestazione occasionale e che quindi siano sprovvisti di partita IVA, salvo che non dichiarino di essere in procinto di richiederla.

MODALITA’ DI PAGAMENTO

FEDERARCHITETTI, in considerazione dell’attuale momento di crisi che colpisce anche il mondo delle professioni tecniche, ha ritenuto di fare cosa gradita offrendo ai colleghi interessati la possibilità di pagare il costo del corso IN DUE RATE a mezzo bonifico bancario sul conto corrente intestato a Federarchitetti, S.N.A.L.P. sezione di Roma, presso UNICREDIT, con il seguente

CODICE IBAN: IT84R0200805024000401020902 e con le seguenti modalità:

PRIMA RATA (da pagare contestualmente alla prenotazione):

• €uro 120.00 (€ 100.00 per anticipo iscrizione corso + € 20.00 per iscrizione o eventuale rinnovo iscrizione, se dovuto, a Federarchitetti per l’anno 2015) N.B.: i colleghi già in regola con la quota annuale di iscrizione devono pagare solo €uro 100.00

• €uro 122,00 (€ 100.00 + IVA 22 %), per i tecnici che non vogliano e/o non possano iscriversi, a norma di Statuto, a Federarchitetti (vedi sopra)

SECONDA RATA ( da pagare entro e non oltre il 20 FEBBRAIO 2015)

• €uro 180.00 per i colleghi già iscritti o che si sono iscritti al sindacato Federarchitetti

contestualmente all’iscrizione al corso

(2)

• €uro 268,40 (IVA 22% compresa), per i tecnici che non non possano, a norma di Statuto, iscriversi a Federarchitetti (vedi sopra) e/o che non lo vogliano.

AGEVOLAZIONI PER I GRUPPI: ai gruppi composti da un numero minimo di tre colleghi che si iscrivessero al corso è riservata una riduzione di €uro 10.00, e pertanto il costo di detto corso sarà di €uro 270,00 oltre al pagamento (o al rinnovo per gli iscritti che non avessero ancora provveduto) della quota di iscrizione al sindacato (€ 20,00) che avrà validità per l’anno 2015, mentre per i non iscritti (che non possano o che non vogliano iscriversi al sindacato) è di €uro 310,00 + IVA (22%); tale riduzione verrà applicata sulla seconda rata il cui importo, da pagare entro il 20 FEBBRAIO 2015 viene così modificato:

• €uro 170.00 per i nuovi iscritti o per i colleghi già iscritti che hanno rinnovato la quota di iscrizione per l’anno 2013

• €uro 256,20 (IVA 22 % compresa), per i tecnici che non vogliano e/o non possano iscriversi a Federarchitetti (vedi sopra)

L’ISCRIZIONE DEI GRUPPI DOVRA’ ESSERE EFFETTUATA INVIANDO IL MODULO GRUPPI, ALLEGATO IN CALCE, IN AGGIUNTA AI MODULI INDIVIDUALI DI ISCRIZIONE

Le lezioni saranno tenute presso la Direzione Regionale del Lazio dell’INAIL, in via Nomentana 74, aula formazione piano terra secondo il calendario provvisorio di seguito indicato, che per motivi del tutto imprevedibili al momento, potrebbe essere parzialmente modificato.

ATTENZIONE: ove non venisse raggiunto il numero di iscrizioni al corso tale da garantire la copertura delle spese, FEDERARCHITETTI si riserva la facoltà di posticiparne l’inizio. Se, per tale motivo, l’inizio del corso dovesse essere rinviato oltre il 29 MAGGIO 2015 potrà essere richiesta la restituzione della somma pagata a titolo di anticipo, ad eccezione della quota di €uro 20.00 eventualmente pagata per l’iscrizione a Federarchitetti

MATERIALE DIDATTICO E GADGET:

A tutti i colleghi che si iscriveranno al corso di 40 ore verrà consegnata una cartella contenente il seguente materiale:

• Pubblicazione realizzata da Federarchitetti in occasione della “Quinta Giornata Nazionale per la Sicurezza nei cantieri celebrata il 27 marzo 2014

• Un utilissimo blocco contenente 20 verbali di sopralluogo in cantiere, in parte precompilati, in doppia copia su carta a ricalco con un promemoria dei principali controlli e adempimenti

• Un blocco appunti

N.B.: le dispense del corso verranno inviate a mezzo e mail o fornite su CD MODALITA’ DI ISCRIZIONE:

I colleghi interessati dovranno provvedere ALLA PRENOTAZIONE AL PIU’ PRESTO, inviando a mezzo e mail (all’indirizzo info@federarchitettiroma.it ) o via fax (al n° 06/32647392) la copia dei moduli compilati e del bonifico

AVVISO IMPORTANTE RELATIVO AL RILASCIO DI RICEVUTE E/O FATTURE

il costo della formazione effettuata da Sindacati, Associazioni ecc. per i propri iscritti e/o associati E’ ESENTE DA IVA ai sensi dell’art. 4, comma 4 e 7 del DPR 633/72, e pertanto agli iscritti a FEDERARCHITETTI non verrà richiesto il pagamento dell’IVA e NON VERRÀ RILASCIATA FATTURA in quanto il BONIFICO , sul quale peraltro l’imposta di bollo è assolta in modo virtuale, E’ DOCUMENTO FISCALMENTE VALIDO ai fini della deducibilità della spesa, da consegnare quindi al proprio commercialista.

Per tale motivo è IMPORTANTE indicare esattamente, sia pure in forma abbreviata, la causale del bonifico (es.: iscr.

corso agg. € 280.00 / iscr. FEDERARCHITETTI € 20.00)

Ai colleghi non iscritti a FEDERARCHITETTI e solo ad essi verrà invece rilasciata regolare FATTURA.

ALTRE INFORMAZIONI:

sede del corso : via Nomentana 74, presso la sede INAIL – Direzione Regione Lazio, AULA 2, piano terra

durata del corso : 40 ore – non sono ammesse assenze numero massimo di iscritti : 30

Responsabili del corso: arch. Giancarlo Maussier – arch. Loredana Regazzoni Docenti :

 Geom. e dottore in ingegneria della sicurezza Massimo Caroli

 Arch. Francesco De Blasi (INAIL Lazio – compiti dell’INAIL e statistiche sugli infortuni))

 Arch. Fabio Ferrara (INAIL Lazio)

 P.I. Alberto Del Grande (INAIL Lazio)

 Ispettore del lavoro Paolo Santia (La visita ispettiva in cantiere)

 Arch. Danilo De Vito (rischio rumore, Vibrazione , ecc.)

Per informazioni : tel. 06/3243317 fax 06/32647392 - e mail info@federarchitettiroma.it

(3)

SCHEDA INFORMATIVA SU FEDERARCHITETTI S.N.A.L.P.

Federarchitetti S.N.A.L.P. (Sindacato Nazionale Architetti Liberi Professionisti) nato per iniziativa di alcuni architetti con atto pubblico il 3 febbraio 1967 , in quanto aderente, insieme ad altri Sindacati, a Confedertecnica (Confederazione dei sindacati delle libere professioni tecniche), che ha sottoscritto, come parte datoriale, il CCNL per i dipendenti degli studi professionali, con verbale d’intesa del 11/05/2001, siglato presso il Ministero del Lavoro, è stato riconosciuto “parte sociale”.

Federarchitetti, retta da uno statuto e da un Regolamento, è articolato in sezioni territoriali su tutto il territorio nazionale, ed è particolarmente attiva a Roma e nel Lazio, a Milano e in Lombardia, oltreché in Emilia, in Toscana, in Abruzzo, in Campania, in Calabria e in Sicilia.

L’iscrizione a Federarchitetti è libera e su base volontaria, ed è aperta agli architetti e agli ingegneri che esercitino in forma prevalente e continuativa la libera professione.

Il Presidente è l’arch. Paolo Grassi di Napoli, Vicepresidente l’arch. Loredana Regazzoni di Roma e Segretario l’arch. Maurizio Mannanici di Catania.

Il Sindacato Federarchitetti che non è legato ad alcun partito politico, svolge attività di vario tipo nell’interesse e per la tutela degli architetti e/o ingegneri liberi professionisti, che rappresentano un elevatissimo numero di cittadini (circa 160.000), ma anche della collettività, e, al fine di perseguire tali obiettivi, siede ai più importanti tavoli di concertazione organizzati dalle istituzioni, esprimendo la posizione dei professionisti in merito alle principali problematiche della professione e, in generale, su tutti i temi economici e sociali che riguardano i suoi iscritti.

Federarchitetti ha promosso e organizzato ben cinque edizioni della “Giornata Nazionale per la Sicurezza nei Cantieri”, l’ultima delle quali il 27marzo 2014, che hanno ottenuto, oltre all’adesione del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che ha assegnato a ciascuna edizione la propria Medaglia di Rappresentanza, anche prestigiosissimi patrocini, tra i quali quello del Presidente del Consiglio, del Presidente del Senato, del Presidente della Camera dei Deputati, e del Ministero del Lavoro, oltre a quello del CNAPPC e del CNI.

Federarchitetti, in quanto Sindacato di parte datoriale, riconosciuta parte sociale dal Ministero del

Lavoro, ed autorizzato, dallo stesso Ministero, ai sensi del Dlgs 81/08 e s.m.i., a tenere corsi di

formazione in materia di sicurezza ha formato, negli ultimi 17 anni , attraverso le sue strutture territoriali,

più di tremila tecnici ai quali sono stati rilasciati altrettanti attestati abilitanti per Coordinatori della

Sicurezza, RSPP, RLS, ecc. , ed è stato altresì attivo nell’ambito della formazione e dell’aggiornamento

professionale con numerosi corsi nel campo della sostenibilità energetica, delle attività professionali

(progettazione, D.L., Contabilità Lavori, Collaudi, CTU/CTP, tecnologia dei materiali, ecc.)

(4)

FEDERARCHITETTI

SEZIONE TERRITORIALE DI ROMA

Codice fiscale 97528090588 partita IVA 11219581003 R.E.A. 1341361 www.federarchitettiroma.it – info@federarchitettiroma.it 00192 – ROMA, via Paolo Emilio n° 7 – tel.+39.06.3243317 – fax

+39.06.32647392

In collaborazione con

CALENDARIO DI MASSIMA DEL CORSO

I MODULO Mercoledì 25 febbraio dalle 14,30 alle 18,30 ore 4,00

Dalle 14.30 alle 15,00

(arch. Giancarlo Maussier, Presidente di Federarchitetti Roma) :

- Prolusione al corso e proiezione del video “C’era un Rumeno a Roma” prodotto da FEDERARCHITETTI

Dalle 15,00 alle 15.45 (arch. Francesco De Blasi – INAIL Direzione Regionale Lazio - Cenni sui compiti dell’INAIL e sulle statistiche degli infortuni

Dalle 15.45 alle 18.30 (Ing. Massimo Caroli, docente esperto con laurea specialistica in Ingegneri della Sicurezza)

- Cenni storici sui veri obiettivi da raggiungere con la “sicurezza sul lavoro”.

- Come è strutturato il DLgs 81/2008 e s.m.i. (13 Titolo + 51 Allegati) - Equivalenza con la vecchia normativa.

II MODULO giovedì 26 febbraio dalle 13,50 alle 18,30 ore 4,40

Dalle 13,50 alle 18.30 (Isp. Paolo Santia) - La visita ispettiva in cantiere

III MODULO mercoledì 4 marzo dalle 13,50 alle 18,30 ore 4,40

Dalle 13,50 alle 18.30 (Ing. Massimo Caroli)

- Piano di Sicurezza e di Coordinamento (PSC) e - PSC semplificato (D.I. 9/9/2014 su G.U. 212 del 12/09/2014).

- Differenze e analogie con gli altri documenti presenti nel DLgs 81/2008 (nel Titolo I: DVR e DUVRI.

nel Titolo IV – PSS e PSS semplificato; POS e POS semplificato, Fascicolo, e Fascicolo semplificato, PiMUS).

IV MODULO Giovedì 5 marzo dalle 13,50 alle 18,30 ore 4,40

Dalle 13,50 alle 18.30 (arch. Danilo De Vito, docente esperto in materia) - l rischio Rumore, il rischio vibrazione, il rischio chimico

V MODULO Mercoledì 11 marzo dalle 13,50 alle 18,30 ore 4,40

Dalle 13,50 alle 18.30 (Ing. Massimo Caroli) - I lavori in quota.

- L’elaborazione del PiMUS (Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio dei ponteggi – stralcio da un esempio svolto).

- Un esempio di Costi della sicurezza riconducibili al Committente e/o alle Imprese - L’elaborazione del Fascicolo (Stralcio da un esempio svolto).

VI MODULO Giovedì 12 marzo dalle 13,50 alle 18,30 ore 4,40

Dalle 13,50 alle 18.30 (Ing. Massimo Caroli)

- Approfondimenti sugli articoli del TITOLO I e del TITOLO IV.Gli Allegati più importanti per i “Cantieri temporanei o mobili

- L’elaborazione del POS (stralcio da un esempio svolto).

- La documentazione che l’Impresa deve presentare insieme al POS.

VII MODULO dalle 13,50 alle 18,30 ore 4,40

Dalle 13,50 alle 17.45 (Ing. Massimo Caroli)

- L’organizzazione della sicurezza in cantiere.

- I rapporti dei Coordinatori con i Committenti e con le Imprese affidatarie e subappaltatrici, Le verifiche e gli obblighi documentali da custodire in cantiere (Verbali di coordinamento preliminari ed in corso d’opera; Verbali di visite in cantiere, ecc.).

Dalle 17.45 alle 18.30 (arch. Giancarlo Maussier, Presidente di Federarchitetti Roma) :

- proiezione del video “Loredana se ne va” prodotto da FEDERARCHITETTI e presentazione della “ Sesta Giornata Nazionale per la Sicurezza nei cantieri “

VIII MODULO Giovedì 26 Marzo dalle 9,00 alle 13,30 dalle 15,00 alle 18,45

ore 800 - Partecipazione alla “SESTA GIORNATA NAZIONALE PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI”

(vedi programma di massima allegato)

ATTENZIONE: AL TERMINE DELLA GIORNATA VERRANNO CONSEGNATI

GLI ATTESTATI DI PARTECIPAZIONE AL CORSO

(5)

FEDERARCHITETTI

SEZIONE TERRITORIALE DI ROMA

Codice fiscale 97528090588 partita IVA 11219581003 R.E.A. 1341361 www.federarchitettiroma.it – info@federarchitettiroma.it 00192 – ROMA, via Paolo Emilio n° 7 – tel.06.3243317 – fax 06.32647392

In collaborazione con

CORSO DI AGGIORNAMENTO

PER COORDINATORI DELLA SICUREZZA DAL 25 FEBBRAIO AL 26 MARZO 2015

Ex allegato XIV del Dlgs 81 del 08/04/2008 e s.m.i.

Domanda per l’iscrizione al corso

Da inviare via fax al n° 06/32647392 o all’indirizzo e mail info@federarchitettiroma.it

Io sottoscritta/o,

Nome ____________________________________ Cognome_____________________________________

Indirizzo ___________________________________ Cap __________ Città _________________________

Tel. ____________________________ fax ________________________ cell ________________________

E mail ___________________________________ PEC * __________________________________

professione/titolo di studio _____________________

Codice fiscale ________________________________ partita IVA _________________________________

*

ATTENZIONE L’INDICAZIONE DELLA PEC E’ RICHIESTA DALL’ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI ROMA PER LE COMUNICAZIONI INERENTI IL RILASCIO DEI CREDITI FORMATIVI

presa visione della sintesi delle informazioni sul corso Chiedo di essere iscritta/o (cancellare l’ipotesi che non interessa) al corso di cui sopra e il rilascio dell’attestato di Frequenza per 40 ore

Allegando alla presente domanda la copia del bonifico di €uro ………..

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del D.L. 196/03 e l’invio di comunicazioni a mezzo e mail riguardanti il corso e le attività di FEDERACHITETTI

DATA ___________

FIRMA

____________________________________________

IN CASO DI MANCATO RAGGIUNGIMENTO DEL NUMERO MINIMO DI ISCRITTI E DI CONSEGUENTE SPOSTAMENTO DELLA DATA DI INIZIO DEL CORSO OLTRE IL 28 MAGGIO 2015 O DI MANCATA ISCRIZIONE AL CORSO CONSEGUENTE AL SUPERAMENTO DEL NUMERO MASSIMO DI ISCRITTI

CHIEDO

(CANCELLARE l’ipotesi che NON interessa):

A- Che la somma versata (detratta la quota di €uro 20.00 eventualmente pagata per l’iscrizione a FEDERARCHITETTI) mi venga restituita

B- Che la somma versata venga trattenuta per il pagamento del corso anche se ne venisse posticipato l’inizio oltre il 28 febbraio 2015 o se venissi iscritto al corso immediatamente successivo

FIRMA

(6)

FEDERARCHITETTI

SEZIONE TERRITORIALE DI ROMA

Codice fiscale 97528090588 partita IVA 11219581003 R.E.A. 1341361 www.federarchitettiroma.it – info@federarchitettiroma.it 00192 – ROMA, via Paolo Emilio n° 7 – tel.06.3243317 – fax 06.32647392

In collaborazione con

CORSO DI AGGIORNAMENTO

PER COORDINATORI DELLA SICUREZZA DAL 25 FEBBRAIO AL 26 MARZO 2015

Ex allegato XIV del Dlgs 81 del 08/04/2008 e s.m.i.

Modulo per l’iscrizione al corso di gruppi (min. 3 tecnici)

Da inviare via fax al n° 06/32647392 o all’indirizzo e mail info@federarchitettiroma.it

I sottoscritti,

Nome ___________________________________ Cognome_____________________________________

Nome ___________________________________ Cognome_____________________________________

Nome ___________________________________ Cognome_____________________________________

Nome ___________________________________ Cognome_____________________________________

Nome ___________________________________ Cognome_____________________________________

presa visione della sintesi delle informazioni sul corso

chiedono di beneficiare della riduzione di €uro 10.00, prevista per i gruppi costituiti da un numero minimo di tre tecnici che si iscrivono al corso allegano separatamente le domande individuali di iscrizione al corso e di iscrizione a FEDERARCHITETTI (facoltativa).

DATA ___________

FIRME

____________________________________________

____________________________________________

____________________________________________

____________________________________________

____________________________________________

(7)

F e d e r a r c h i t e t t i

S i n d a c a t o n a z i o n a l e a r c h i t e t t i l i b e r i p r o f e s s i o n i s t i

SEZIONE TERRITORIALE DI ROMA (aderente a Confedertecnica)

Codice fiscale 97528090588 partita IVA 11219581003 R.E.A. 1341361 www.federarchitettiroma.it – info@federarchitettiroma.it

00192 – ROMA, via Paolo Emilio n° 7 – tel.+39.06.3243317 – fax +39.06.32647392

DOMANDA DI ISCRIZIONE PER L’ANNO 2015

Al PRESIDENTE della sezione territoriale di ROMA di FEDERARCHITETTI Io sottoscritto ………..

nato a ………. il ……….

codice fiscale ………. partita IVA ………..

Qualifica: □ architetto □ architetto junior □ ingegnere □ ingegnere junior iscritto all’Ordine professionale della provincia di ………

con il n° ………..… dal ……….

Studio o residenza in ………... c.a.p. ………… prov …...

Via ………. N° ……….

tel .…/……….. fax .…/……….. cell. .…/………..

e mail: ………. PEC ………

DICHIARO

a. di aver preso visione dello Statuto e di essere in possesso dei requisiti previsti all’art. 7 dello stesso;

b. di essere in possesso di Partita IVA ………..

c. di non esserne ancora in possesso e di essere

iscritto all’Ordine da meno di tre anni ………

CHIEDO

di essere iscritto alla sezione territoriale di ROMA di Federarchitetti – SNALP, Sindacato Nazionale Architetti Liberi Professionisti, , condividendone le finalità statutarie.

PROVVEDO, CONTESTUALMENTE ALLA CONSEGNA DELLA PRESENTE DOMANDA DI ISCRIZIONE, al versamento della quota di iscrizione per l’anno 2015 pari a €uro 20.00 comprensive della quota di competenza degli Organi Nazionali:

□ CONTANTI O ASSEGNO

□ BONIFICO BANCARIO (IBAN IT84R0200805024000401020902 )

Ai sensi del D.lgs. 196/2003, con la firma sottoestesa autorizzo Federarchitetti all’utilizzo dei miei dati personali per l’invio di materiale informativo e/o promozionale. In ogni momento potrò oppormi al loro utilizzo, richiederne la modifica o la cancellazione.

data firma Ratifica sez. Territoriale Comunicata al Nazionale

2015

(8)

STATUTO FEDERARCHITETTI S.N.A.L.P. (SINDACATO NAZIONALE) I - DISPOSIZIONI GENERALI

art. 1 - Denominazione

E' costituito il Sindacato Nazionale Architetti Liberi Professionisti denominato FEDERARCHITETTI S.N.A.L.P. Esso estende la sua competenza su tutto il territorio nazionale, è autonomo ed apartitico, è retto dal presente Statuto approvato dall'Assemblea e si dota di un Regolamento Attuativo.

art. 2 - Scopi

Il Sindacato ha lo scopo di promuovere, coordinare, assistere, dirigere ed unificare iniziative atte a:

rappresentare in sede nazionale ed internazionale le categorie professionali degli iscritti verso gli Organismi istituzionali pubblici, rappresentanze politiche, Enti pubblici e privati, associazioni, sindacati del lavoro dipendente; tutelare gli interessi etici ed economici degli iscritti Liberi Professionisti nella loro più ampia accezione, inclusi quindi gli aspetti previdenziali, assistenziali, mutualistici, contrattuali e di formazione e aggiornamento professionale; salvaguardare e sviluppare la libera professione attraverso azioni e mezzi utili e necessari a ciò anche in concomitanza ed intesa con altre categorie professionali e con gli organismi culturali e produttivi correlati alle attività della categoria, finalizzandone l’azione allo sviluppo sociale, ambientale, culturale, economico del Paese in ambito nazionale ed internazionale; migliorare le condizioni di esercizio della libera professione anche sotto l’aspetto economico; partecipare, a mezzo di propri rappresentanti, in Enti, movimenti, commissioni culturali, tecniche, amministrative, consultive o di opinione, siano a carattere privato o pubblico, a qualsiasi livello; aderire e/o costituire associazioni interprofessionali per il conseguimento delle stesse finalità; assistere e tutelare gli iscritti nelle vertenze collettive di qualsiasi genere, nei contratti collettivi di lavoro, ed in quelle singole qualora di interesse generale; comprese quelle previdenziali ed assistenziali con gli organismi demandati, istituzionali e non, con particolare rilievo alle problematiche del settore giovanile;

organizzare, a titolo esemplificativo e non esaustivo, convegni, corsi di formazione, specializzazione ed aggiornamento professionale; sottoscrivere accordi, convenzioni, intese, finalizzate a migliorare l’attività professionale degli iscritti e le capacità operative del sindacato in sede nazionale e provinciale; aderire e/o costituire Fondazioni, Centri Studi, società, associazioni, aventi finalità compatibili con gli scopi statutari;

organizzare corsi professionali di formazione, aggiornamento, specializzazione nelle sedi territoriali, anche in forma coordinata. Per raggiungere i suoi fini, il Sindacato assume la veste giuridica conferitagli dalle Leggi.

art. 3 - Organi

Gli organi della FEDERARCHITETTI sono: Assemblea Nazionale - Consiglio Nazionale – Presidente - Collegio dei Revisori dei Conti Nazionali - Collegio dei Probiviri - Sezioni territoriali. Nel caso venga a mancare, per qualsiasi motivo, un componente alle cariche Statuarie, esso sarà sostituito a cura dell’Organo preposto. Le modalità di sostituzione saranno definite con Regolamento Attuativo. Le cariche elettive Nazionali, con esclusione di quelle di Consigliere di Sezione Territoriale, sono tra loro incompatibili ed hanno durata di quattro anni, salvo revoca dell'Assemblea. Il Reg. Attuativo ne fissa la ripetitività.

art. 4 - Patrimonio

Il patrimonio sociale è formato: dai contributi e quote ordinarie e straordinarie degli associati; dai beni mobili ed immobili comunque venuti in proprietà al Sindacato per acquisti, lasciti, donazioni, devoluzioni, etc.; dalle eccedenze annue di bilancio che non siano destinate ad integrare le entrate previste per l'anno successivo; dalle rendite patrimoniali non destinate a fronteggiare le spese annuali di gestione con documenti ufficiali; dai contributi su fondi previdenziali ed assicurativi per i quali è prevista l'erogazione; dai contributi derivanti da convenzioni, contratti, accordi, ecc., stipulati con Enti e Società pubbliche e/o private ovvero, da erogazioni volontarie provenienti da soggetti pubblici e/o privati; dai proventi derivanti dalle attività formative, aggiornamento professionale, studi e ricerca, ecc.; dai contributi derivanti dalle sezioni territoriali; dai contributi derivanti dall’attività istituzionale e da quanto previsto nel Regolamento Attuativo. E’ fatto divieto di distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale durante la vita del Sindacato, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposti dalla Legge. La quota o il contributo associativo sono intrasferibili.

Art. 5 - Modifiche

Le modifiche dello Statuto dovranno essere approvate in Assemblea Nazionale con il voto di metà più UNO dei voti esprimibili dai Presidenti Territoriali o loro delegati in prima convocazione, con il voto favorevole di almeno DUE TERZI dei voti presenti in seconda convocazione.

art. 6 - Scioglimento

Il Sindacato Nazionale Architetti Liberi Professionisti può essere sciolto dagli iscritti secondo le modalità dalla Legge e il patrimonio sarà devoluto alla Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza Ingegneri e Architetti.

II - DELLA APPARTENENZA art. 7 - Iscritti

Possono far parte della FEDERARCHITETTI, in qualità di iscritti, tutte le figure professionali operanti in campo architettonico, ingegneristico, urbanistico, paesaggistico e della conservazione dei Beni Ambientali, iscritti agli albi professionali degli Architetti PPC e degli Ingegneri e/o conformemente alle Direttive Comunitarie, non vincolati da uno stato giuridico o da un contratto di lavoro che interdica loro l'esercizio della libera professione e che non svolgano attività contrarie o incompatibili con la stessa. Gli iscritti non in regola con il pagamento della quota associativa, si intendono sospesi dai diritti per l’accesso alle cariche elettive, con la decadenza dalle cariche statutarie nonché dal diritto di voto nelle Assemblee previste dallo Statuto, fermo restando la continuità di iscrizione al Sindacato. Gli iscritti non possono aderire ad altri Sindacati aventi medesime finalità e scopi di questo Sindacato. Le modalità di iscrizione sono indicate dall’Assemblea Generale. Il libero professionista aderente al Sindacato acquisisce i seguenti diritti: accede alle cariche elettive; è tutelato, rappresentato ed assistito secondo gli scopi dell'art.2); è tutelato nelle vertenze singole, art.2) comma e), quando il Consiglio Nazionale ne ravvisi il carattere Sindacale; ha diritto di consultare i libri del Sindacato e di prenderne visione.

art. 8 – Iscritti Aderenti

Possono inoltre far parte della FEDERARCHITETTI, in qualità di aderenti, gli Architetti e le altre figure professionali simili individuate nel prec. art.7, secondo le direttive U.E., liberi professionisti iscritti esclusivamente al proprio Albo Professionale da non più di tre anni e non ancora in possesso di partita IVA, non vincolati da uno stato giuridico o da un contratto di lavoro che interdica loro l'esercizio della libera professione e che non svolgano attività contrarie o incompatibili con la libera professione. Gli aderenti non possono essere iscritti ad altri Sindacati aventi medesime finalità e scopi di questo Sindacato.

art. 9 – Iscritti Onorari

Possono aderire, come iscritti onorari, personalità che si sono distinte nel campo culturale e scientifico connessi al riconoscimento del ruolo dell’Architettura nella società civile, su proposta ed approvazione dei Consigli Territoriali o Nazionale. Le modalità di adesione degli aderenti e degli iscritti onorari sono indicate dal Regolamento Attuativo.

III – DELL’ORGANIGRAMMA art. 10 - Assemblea Nazionale

L'Assemblea Nazionale è costituita dagli Iscritti rappresentati dai Presidenti Territoriali o loro Delegati, che esprimono i voti delle rispettive Sezioni Territoriali in regola con le norme statutarie, secondo le entità numeriche definite dal Regolamento Attuativo.

Suoi compiti specifici sono: l’approvazione delle linee programmatiche elaborate in sede nazionale e la verifica dell'attività sindacale; eleggere il Presidente; stabilire il numero dei componenti il Consiglio Nazionale ed eleggerli tra gli iscritti; eleggere il Collegio dei Probiviri e il Collegio dei Revisori dei Conti; deliberare su qualunque argomento posto all'Ordine del giorno redatto dal Presidente; approvare entro il mese di Novembre di ogni anno il bilancio preventivo e la quota associativa per l'anno successivo; approvare i rendiconti di cassa del Consiglio Nazionale; approvare le modifiche dello Statuto ai sensi dell'art.5; stabilire le modalità d'iscrizione e il diritto al voto; approvare il Regolamento per il funzionamento degli Organi Statutari; approvare lo scioglimento ai sensi dell’art.6 dello Statuto. Le deliberazioni dell'Ass. Naz. sono vincolanti per gli iscritti al Sindacato, ovvero per tutti gli organi Statutari, fatte salve le autonomie del Collegio dei Revisori dei Conti e dei Probiviri. Il potere di voto dei delegati all’Ass. Naz. è stabilito dal Regolamento Attuativo.

art. 11 - Consiglio Nazionale

Il Consiglio Nazionale ha funzioni esecutive e di programmazione nonchè di sviluppo del programma politico.

Esso è composto dagli eletti dall'Assemblea Nazionale tra gli iscritti. Approva la costituzione delle Sezioni Territoriali. Il Consiglio Nazionale elegge al suo interno: il Segretario del Cons. Nazionale; il Coordinatore delle Sezioni Territoriali; il Tesoriere. Elegge uno o più Vice Presidenti su proposta del Presidente. Il Consiglio Nazionale si riunisce su convocazione del Presidente che lo presiede o su richiesta di almeno il 50% dei propri componenti, con comunicazione effettuata almeno 10 giorni prima della riunione, a mezzo fax, e-mail, raccomandata postale. In caso di motivata urgenza la convocazione può essere effettuata almeno 5 giorni prima della data di riunione. Il Cons. Naz. può deliberare all’unanimità la sfiducia al Presidente, da proporre all’Assemblea Gen.

art. 12- Presidente

I compiti del Presidente sono: vigilare sull'osservanza dello Statuto, richiamare gli organi e gli associati quando si ritenga che esso non sia stato correttamente interpretato e demandare al Collegio dei Probiviri o all'Assemblea, a seconda delle competenze, le controversie statutarie che esso non riuscisse a dirimere; rappresentare legalmente il Sindacato nei confronti dei terzi e degli iscritti; proporre al Consiglio Nazionale il /i nominativo /i per eleggere uno o più Vice Presidente; indicare le linee programmatiche e politiche del sindacato; convocare e presiedere l'Assemblea Nazionale degli iscritti e il Consiglio Nazionale; deferire, sentito il Consiglio Nazionale, al Collegio dei Probiviri, gli iscritti verso i quali debbono essere presi provvedimenti disciplinari; attuare, di concerto con il Consiglio Nazionale il programma approvato e le linee programmatiche e politiche; delegare ai

(9)

Consiglieri argomenti specifici; delegare specifiche tematiche a figure professionali esterne al Consiglio; tali figure relazionano al Consiglio Nazionale sull’attività svolta preventivamente decisa e approvata.

art. 13 – Segretario e del Coordinatore nazionale

Il Segretario del Cons. Naz. coadiuva il Presidente nell’espletamento delle sue funzioni e rende esecutiva l’attività del Cons. Naz. Il Coordinatore delle Sezioni Territoriali ha la responsabilità organizzativa del Sindacato e cura i rapporti tra le attività del Consiglio Nazionale e le Sez. Territoriali. Provvede all'aggiornamento e conservazione dell'elenco degli iscritti. Verifica direttamente le iscrizioni. Controlla i poteri di voto dell’Assemblea Nazionale con la definizione delle date temporali delle sedi territoriali.

art. 14 - Tesoriere

Il Tesoriere è responsabile della tenuta dei registri contabili e della cassa Nazionale, provvede alla politica economica ed alla gestione finanziaria del Sindacato in conformità alle deliberazioni dell'Assemblea e del Consiglio Nazionale cura le riscossioni, provvede ai pagamenti deliberati. Il Tesoriere è autorizzato a compiere le operazioni finanziarie intestate al Sindacato presso banche, uffici postali, istituti di credito e simili. Il Tesoriere compila annualmente il rendiconto di cassa consuntivo che sottopone all'approvazione preventiva del Collegio dei Revisori dei Conti e del Consiglio Nazionale. Il Tesoriere è tenuto a dare visione di tutti i documenti originali e della cassa Nazionale a semplice richiesta di ciascuno dei Revisori dei Conti.

IV - ORGANI DI CONTROLLO

art. 15 - Collegio dei Revisori dei Conti Nazionale

Il Collegio dei Revisori dei Conti Nazionale è composto da TRE membri più TRE supplenti, eletti dall'Assemblea Nazionale, scelti tra gli iscritti. Il Collegio dei Revisori dei Conti ha il compito di: verificare la gestione amministrativa del Sindacato; redigere le relazioni sui rendiconti di Cassa annuali. Si dà un regolamento informandone il Consiglio Nazionale.

art. 16 - Collegio dei Probiviri

Il Collegio dei Probiviri è composto da almeno TRE membri più DUE supplenti eletti dall'Assemblea Nazionale. Il Collegio dei Probiviri ha il compito di derimere, controllare e decidere su tutte le controversie inerenti gli articolati statutari e di Regolamento. Le deliberazioni del Collegio dei Probiviri sono impugnabili solo presso l'Assemblea nazionale. Si dà un regolamento informandone il Consiglio Nazionale.

V- ORGANI TERRITORIALI art. 17 – Sezioni Territoriali

Le sezioni Territoriali curano le iscrizioni al Sindacato Nazionale, hanno ambito minimo provinciale e massimo interprovinciale, ed un numero di iscritti non inferiore ad undici. Sono Organi della Sezione Territoriale:

Assemblea Territoriale; Consiglio di Sezione Territoriale; Il Presidente; Il Segretario di Sezione; Eventuale Tesoriere. Le Sezioni Territoriali possono munirsi di un proprio Regolamento Complementare per quanto concerne proprie specifiche modalità, purchè non sia in contrasto con il Regolamento Nazionale e con lo Statuto, sottoponendolo alla Assemblea Nazionale che ne verifica con il silenzio assenso entro sessanta giorni l’ammissibilità. Le Sezioni Territoriali hanno autonomia fiscale per la gestione economica della propria attività, nel rispetto dello Statuto e del Regolamento Nazionale e dei principi di mutualità e solidarietà in essi sanciti. Le cariche elettive hanno durata di quattro anni. Nelle Province nelle quali non si sia ancora potuto costituire una Sezione Territoriale, è possibile, su delega del Presidente nazionale, affidare ad un iscritto l’incarico di

“Referente Territoriale Federarchitetti” con il compito di pubblicizzare l’attività del sindacato nel proprio territorio, secondo le direttive nazionali e con la finalità di costituire una nuova Sezione Territoriale Provinciale.

La delega è temporanea ed è comunicata al Coordinatore Nazionale; la delega è temporanea e può essere rimessa in qualsiasi momento. Il Referente Territoriale Provinciale può partecipare all’Assemblea Nazionale senza diritto di voto. Le Sezioni Territoriali dovranno versare al Sindacato Nazionale le quote dei contributi degli associati nonché gli oneri previsti per la Sezione stessa, nella misura stabilita dall’Assemblea e contenuti nel Regolamento Attuativo. In caso di mancato versamento entro l’anno la sezione risulterà sospesa e il Consiglio Nazionale potrà nominare un iscritto quale “commissario” con il compito di ricostituire la funzionalità della stessa, ovvero di deliberare lo scioglimento del Consiglio Territoriale. I raggruppamenti territoriali che non hanno raggiunto un numero di iscritti superiore alle 10 unità, possono iscriversi alla Sezione Territoriale Federarchitetti più vicina in ambito regionale o, in assenza, al nazionale, per cooperare all’attività sindacale, in attesa della costituzione della sezione in loco. Gli iscritti delle Provincie non costituite in sezione, non vengono computati alle Sezioni Territoriali che ne accolgono l’iscrizione.

art. 18 - Assemblee Territoriali

L'Assemblea Territoriale è costituita dagli Iscritti al Sindacato nella Sezione Territoriale. Suoi compiti specifici sono: Eleggere il Presidente della Sezione Territoriale; Stabilire il numero dei componenti del Consiglio Terr. ed eleggerli tra gli iscritti; Deliberare su qualunque argomento posto all'Ordine del Giorno redatto dal Presidente Territoriale; Approvare entro il mese di Gennaio di ogni anno il Rendiconto di Cassa e il Bilancio Preventivo della Sezione Territoriale, nonchè la quota associativa integrativa per l'anno in corso; Approvare il proprio Regolamento con eventuali integrazioni al Reg. Naz.; Promuovere la campagna di iscrizione alla sezione. Il Presidente Naz. ha facoltà di convocare e presiedere l'Assemblea Territoriale in casi urgenti o di particolare importanza.

Art. 19 - Consiglio Territoriale

Il Consiglio Territoriale è composto dagli eletti dall'Assemblea di Sezione Territoriale ed ha funzioni sia di programmazione che esecutive, delle linee politiche e dell’attività della Sezione Territoriale. Coadiuva il Presidente nello svolgimento delle sue funzioni. Il Cons. Territoriale può eleggere al suo interno il Tesoriere.

art. 20 - Presidente Territoriale

Compiti del Presidente Territoriale di Sezione sono: rappresentare il Sindacato nel proprio ambito territoriale, presso Istituzioni ed Enti locali; mantenere i rapporti con gli Organismi Statutari territoriali e nazionali;

presiedere le riunioni del Consiglio Territoriale di Sezione; provvedere a convocare le riunioni del Consiglio e delle Assemblee Territoriali; riferire alle Assemblee Territoriali sull'opera svolta e sui programmi; è responsabile dell'osservanza dello Statuto a livello territoriale; verificare nei propri ambiti territoriali l'attuazione delle azioni del Sindacato; dare esecuzione alle deliberazioni della Assemblea e del Consiglio Territoriale di Sezione; attuare sul territorio le linee politiche programmatiche del Sindacato Nazionale, integrandole con l’attività della Sezione;

programmare corsi professionali e aggiornamenti scientifici. Il Presidente Territoriale può delegare agli iscritti territoriali specifiche funzioni al di fuori delle cariche statutarie.

art. 21 – Consulta Regionale

Le Sezioni Territoriali appartenenti alla stessa Regione possono costituire la Consulta Regionale della FEDERARCHITETTI – SNALP, quando la loro maggioranza lo delibera. Organi del Consiglio Regionale sono: il Consiglio composto dai Presidenti delle Sez. Terr. o loro delegati; il Coordinatore, eletto dal Consiglio Regionale, con funzioni di Presidente; il Segretario. Le cariche elettive hanno durata di quattro anni, salvo la sfiducia votata da 2/3 dei Presidenti Territoriali. La Consulta Regionale ha come scopo quello di rappresentare il Sindacato a livello delle Istituzioni Regionali in coerenza con le linee politiche programmatiche del Sindacato Naz.. La Consulta Regionale adotta il Reg. Naz., con eventuali procedure complementari per quanto concerne la propria specifica attività, purchè non in contrasto con lo stesso e con lo Statuto Nazionale e tenendo presente i Regolamenti Provinciali. Ne informa il Consiglio Nazionale che ne verifica la congruità, con il silenzio assenso, entro sessanta giorni.

VI - NORME DISCIPLINARI art. 22-Cancellazione

La qualità di iscritto si perde: per cessazione delle condizioni di cui all'art.7; per dissociazione motivata, che deve essere notificata con lettera raccomandata spedita alla Segreteria della Sezione Territoriale alla quale risulta iscritto; per il caso previsto dal successivo art.23/d.

art. 23 - Provvedimenti

I provvedimenti disciplinari, secondo il regolamento che si dà il Collegio dei Probiviri, sono: diffida; censura;

sospensione;

espulsione.

art. 24 – Morosità

L'iscritto moroso nel pagamento delle quote dovute, dopo regolare sollecito, decade dai diritti di voto e dalle cariche elettive.

art. 25 - Atti contrari

L'iscritto che compia azione o assuma iniziativa in contrasto con lo Statuto o con i regolamenti nazionali o delle sezioni territoriali, ovvero danneggi l’immagine del Sindacato o ne pregiudichi lo svolgimento, viene invitato ad uniformarsi. L'iscritto che persista nel suo atteggiamento, viene deferito al Collegio dei Probiviri.

Riferimenti

Documenti correlati

Ai fini del riconoscimento e dell'attribuzione dei crediti, il Consiglio di Sede, su proposta dei Consigli d'Indirizzo e dei Consigli di Area 1 e di Area 5 valuta

Federico Caligaris Cappio Dipartimento di Oncologia Cattedra di Clinica Medica Università Vita-Salute San Raffaele Milano.. Angelo Michele Carella Divisione di Ematologia I

Luigi Fenoglio, Cuneo Dr.ssa Silvia Gaia, Torino Prof.. Giovanni Gandini,

I crediti formativi acquisiti a seguito del superamento della verifica finale e alla compilazione del questionario online, verranno registrati dal Provider sul

I corsi organizzati da soggetti terzi all’Ordine degli Ingegneri possono rilasciare CFP solo nel caso in cui detti soggetti sono accreditati presso il CNI come

L'Operatore della produzione chimica è in grado di approntare e condurre macchine ed attrezzature proprie delle produzioni chimiche, e di svolgere attività relative al trattamento,

 Di essere consapevole che le dichiarazioni mendaci, le falsità negli atti, l’uso o esibizione di atti falsi o contenenti dati non più veritieri sono puniti ai sensi del codice

“Io credo che in questo momento ci sarebbe bisogno di sostenere la Medicina Generale, di dare una mano ai medici di famiglia - conti- nua - piuttosto che di trasmissioni che