• Non ci sono risultati.

pag. 10 di 34

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2021

Condividi "pag. 10 di 34"

Copied!
1
0
0

Testo completo

(1)

pag. 10 di 34

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE

INSEGNAMENTO: FISICA GENERALE (SSD: FIS/01) CREDITI FORMATIVI: 6

PROPEDEUTICITÀ: Analisi Matematica e Geometria OBIETTIVI FORMATIVI:

Il corso di Fisica Generale si propone di far acquisire agli studenti i concetti fondamentali della Fisica Classica fornendo i principi e le metodologie di base necessarie agli insegnamenti degli anni successivi. Nello sviluppo del corso verrà utilizzata l'algebra vettoriale e gradualmente introdotto il calcolo differenziale. La suddivisione tra i vari argomenti ha privilegiato i campi della Fisica più vicini alle problematiche tipiche di un ingegnere Edile. Il corso sarà affiancato da esercitazioni numeriche per aiutare gli studenti nella comprensione dei concetti teorici affrontati e soprattutto ad acquisire una corretta metodologia di analisi di un problema scientifico.

Al termine del modulo di Fisica Generale gli studenti dovranno sapersi orientare fra i principali concetti della Fisica Classica e saperli applicare per la risoluzione di problemi.

CONTENUTI SPECIFICI: La fisica e il metodo sperimentale. Sistemi di unità di misura. Grandezze fisiche scalari e vettoriali. Cinematica: sistemi di riferimento, moto unidirezionale, posizione, spostamento, velocità, accelerazione; moto nel piano: moti rettilinei componenti, accelerazione normale e tangenziale. Dinamica del punto materiale: le leggi di Newton, forze di interazione. Quantità di moto e sua conservazione. Forza peso, reazioni vincolari, forze di attrito statico, dinamico, viscoso, forze elastiche, moto armonico. Lavoro. Potenza.

Teorema dell'energia. Forze conservative. Energia potenziale. Energia meccanica. Lavoro non conservativo.

Sistemi di particelle: centro di massa, moto del centro di massa, conservazione della quantità di moto. Urti.

Corpo rigido. Ia e IIa equazione cardinale della meccanica. Rotazioni intorno ad un asse fisso: energia cinetica rotazionale, momento di inerzia, teorema di Steiner, momento della forza, momento angolare, lavoro e potenza nei moti circolari. Conservazione del momento angolare. Rotolamento senza strisciamento. Statica del corpo rigido. Pressione in un fluido. Fluidi ideali in moto stazionario: equazione di

continuità, equazione di Bernoulli. Sistema termodinamico. Temperatura. Calore e cenni sui suoi modi di trasmissione. Termometri. Calori specifici, calori latenti. Trasformazioni reversibili ed irreversibili. Gas ideali:

equazione di stato, trasformazioni, lavoro, interpretazione cinetica di P e T. Il I° principio della termodinamica, energia interna. Trasformazioni cicliche. Macchine termiche, 2° principio della termodinamica. Entropia.

Carica elettrica. Forze elettriche. Campo elettrico. Energia potenziale, potenziale. Teorema di Gauss. Induzione, conduttori in equilibrio. Moto di cariche in un campo elettrico. Dipolo elettrico. Condensatori: calcoli di capacità, energia immagazzinata, densità di energia. Corrente elettrica, legge di Ohm. Effetto Joule.

OBBLIGHI DI FREQUENZA: consigliata

ARTICOLAZIONE IN DIFFERENTI TIPOLOGIE DIDATTICHE: lezioni 60 ore (4.5 CFU); Esercitazioni 20 ore (1.5 CFU)

TIPOLOGIA DELLE VERIFICHE DI PROFITTO: Esame orale con prova scritta di ammissione.

Riferimenti

Documenti correlati

Enrico Silva - diritti riservati - Non è permessa, fra l’altro, l’inclusione anche parziale in altre opere senza il consenso scritto dell’autore.. Considerazioni sull’equazione

• riconoscimento della necessità dell'abbandono della visione classica dei fenomeni microscopici;.. • individuazione della natura probabilistica dei

La dimostrazione del teorema del momento angolare (II equazione cardinale della dinamica), del secondo teorema di Konig, della disuguaglianza di Clausius, del principio

Essendo le esperienze relativamente impegnative e necessitando di periodi di permanenza significativi in laboratorio, per favorire la presenza dei gruppi di

Affrontiamo, adesso, l'affascinante cammino che ha portato, nel primo quarto del XX secolo, all'elaborazione di quella rivoluzione scientifica rappresentata dalla

Determinare la massima quantit` a di lavoro che ` e possibile ottenere facendo lavorare una macchina termica (ideale) fra queste due sorgenti, sapendo che la macchina si

Ad altezza h dal suolo le palline urtano perpendicolarmente contro una lamina metallica rigida di massa M = 400 g; nell’urto la velocit` a di ogni pallina cambia verso

Quando il corpo passa sul carrello avviene lo strisciamento, che implica una forza di attrito dinamico applicata dal carrello al corpo, e corrispondentemente una forza opposta