• Non ci sono risultati.

APPENDICE A ISTRUZIONI DI UTILIZZO PER IL FOGLIO DI ANALISI DEI MODELLI DES

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2021

Condividi "APPENDICE A ISTRUZIONI DI UTILIZZO PER IL FOGLIO DI ANALISI DEI MODELLI DES"

Copied!
3
0
0

Testo completo

(1)

APPENDICE A Istruzioni di utilizzo per il foglio di analisi dei modelli DES

245

APPENDICE A

ISTRUZIONI DI UTILIZZO PER IL FOGLIO DI ANALISI DEI

MODELLI DES

Nel capitolo 5 abbiamo riportato analisi sistematiche dei vari casi presi in considerazione per lo studio dei modelli DES. La cartella excel Analisi DES.xls, allegata nel CD, è la stessa utilizzata per tali analisi ed è stata realizzata appositamente dall’autore della tesi.

La cartella è composta da diversi fogli, quasi tutti aventi il nome dei vari modelli di turbolenza e contenenti i relativi dati. All’utente basterà utilizzare il foglio comandi, tramite il quale potrà scegliere quali e quanti casi analizzare, fino ad un massimo di 5 contemporaneamente. Il foglio appare come in figura 1 nella pagina seguente.

Nelle prime 4 colonne è presente un elenco di tutti i casi analizzati, comprensivo di modello di turbolenza (colonna A), y+ (colonna B), FR (colonna C) e numero identificativo N di ogni caso (colonna D).

L’utente dovrà specificare:

• Il numero di casi da confrontare nella cella B2 (da 1 a 5) • Il numero identificativo N di ogni caso nelle celle da C2 a G2

• Eventualmente, la directory di lavoro nella cella H2 (vedi istruzioni successive)

Una volta effettuate tali scelte, è sufficiente far partire la macro analisi come segue:

• Selezionare il menu Strumenti  Macro  Macro…

• Assicurarsi che sia selezionata la macro analisi nella finestra pop-up che compare

(2)

APPENDICE A Istruzioni di utilizzo per il foglio di analisi dei modelli DES

246

• Nella nuova finestra premere semplicemente il tasto F5 e attendere l’esecuzione della macro

Figura 1 - Il foglio comandi

N.B. 1: PROBLEMI DI PROTEZIONE DELLA MACRO

Se dovessero comparire messaggi relativi alla protezione della macro, fare come segue:

• Selezionare il menu Strumenti  Macro  Protezione… • Scegliere il livello di protezione media

• Uscire e riaprire la cartella Analisi DES.xls • Selezionare Attiva macro all’apertura del file

(3)

APPENDICE A Istruzioni di utilizzo per il foglio di analisi dei modelli DES

247

N.B. 2: PERCHE’ SCEGLIERE MODIFICA E NON ESEGUI

Sarebbe possibile lanciare la macro analisi cliccando direttamente su Esegui e non su Modifica come scritto precedentemente. Tuttavia in questo modo l’esecuzione della stessa macro sarebbe notevolmente più lenta. Provare per credere.

SCELTA DELLA DIRECTORY DI LAVORO

La macro ricerca le immagini da inserire nel foglio in una directory ben precisa. Di default tale directory è “D:\Analisi DES\Immagini”, si suppone quindi che il CD sia inserito nel drive D:.

Se si vuole lavorare dal CD, ma il drive è diverso, ad esempio E:, basterà modificare la directory di lavoro in “E:\Analisi DES\Immagini”.

Se invece si vogliono copiare le immagini sul disco rigido per velocizzare l’esecuzione, basterà copiarle dove si desidera e modificare di conseguenza l’intera directory di lavoro specificata nella cella H2. Notare che non è

importante in quale directory si trovi il file Analisi DES.xls, ma solo dove si

trovano le immagini. Prestare molta attenzione alle maiuscole/minuscole.

ANALISI DEI RISULTATI

I vari grafici e immagini vengono posizionati nel foglio C.DIRETTO come specificato nel capitolo 5.1. Potrebbe essere utile dividere il foglio in più riquadri, mediante il comando da menu Finestra  Dividi.

Figura

Figura 1 - Il foglio comandi

Riferimenti

Documenti correlati

corrispondenza di sette sezioni poste a diversa apertura ed in ognuno di questi piani sono state prese immagini dei campi istantanei di viscosità effettiva e

similar to those of the analogous benzotriazole derivatives, the solid-state luminescence is markedly different. The scarce luminescence can be in part explained

“Dobbiamo considerare lo stato presente dell’universo come effetto del suo stato anteriore e come causa del suo stato futuro. Una intelligenza che, per un dato

“Se conoscessimo esattamente le leggi della natura e la situazione dell'universo all'istante iniziale, potremmo prevedere esattamente la situazione dello stesso universo

Si denota come “integrale generale” dell’equazione differenziale un’espressione analitica che al variare di un parametro fornisca tutte o.. quasi le soluzioni

Due insiemi hanno lo stesso numero di elementi (la stessa Cardinalità) se esiste una corrispondenza biunivoca fra loro. Non tutti gli insiemi infiniti hanno la

Negli <<Acta Eruditorum>> del 1696 Johann Bernoulli propose, come sfida agli altri matematici, il problema in seguito diventato famoso come problema

Circolare del Ministero della Salute del 29 Maggio 2020 Ricerca e gestione dei contatti di casi COVID-19 (Contact tracing) ed