ANALISI DELLA STRUTTURA PATRIMONIALE E FINANZIARIA DEL GRUPPO

Nel documento 2 ( 0 Annual R 21 eport ) (pagine 33-39)

Si evidenzia che a seguito dell’adozione dei principi contabili nazionali OIC per la redazione del Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2021.

31/12/2021 STATO PATRIMONIALE RICLASSIFICATO

A - IMMOBILIZZI NETTI

Immobilizzi Immateriali Netti 104.878

Immobilizzi Materiali Netti 1.328.471

Immobilizzi Finanziarie e altre attività non correnti 187.300

TOTALE immobilizzi netti 1.620.649

C - PASSIVITÀ A MEDIO LUNGO TERMINE

-Fondi manutenzione, smantellamento e vari (-) (52.830)

Utile (perdita) d’esercizio di pertinenza di terzi (116)

Patrimonio netto di terzi 269

TOTALE Patrimonio Netto 884.969

(segue)

31/12/2021 F - INDEBITAMENTO FINANZIARIO NETTO

Debiti Finanziari a medio lungo termine (+) 724.305

Debiti (Crediti) Finanziari a breve termine (+) 142.176

Crediti Finanziari che non costituiscono immobilizzi (-)

-Disponibilità Liquide (-) (142.785)

Debiti (Crediti) Finanziari vs società controllate (-)

-Strumenti finanziari derivati 3.997

TOTALE indebitamento finanziario netto 727.693

G - TOTALI FONTI DI FINANZIAMENTO NETTO (E+F) 1.612.661

La situazione patrimoniale e finanziaria del Gruppo nel 2021 evidenzia un Capitale Investito Netto di 1.612.661 migliaia di euro.

Gli immobilizzi netti sono pari a 1.620.649 migliaia di euro e si riferiscono:

immobilizzi immateriali netti pari a 104.878 migliaia di euro relative principalmente (i) agli avviamenti pari a 51.593 migliaia di euro, sorti prevalentemente dall’impu-tazione residuale positiva di annullamento delle società entrate nel perimetro di consolidamento nel corso del 2021 e (ii) alle altre immobilizzazioni immateriali pari a 42.649 migliaia di euro che comprendono, principalmente, (i) i costi sostenuti per i sistemi informatici necessari per lo sviluppo commerciale e organizzativo del Gruppo per 18.550 migliaia di euro; (ii) oneri riferibili alla sottoscrizione di convenzioni con i comuni limitrofi alle centrali termoelettriche di Bertonico-Turano Lodigiano e Aprilia per 5.892 migliaia di euro; nonché costi di attivazione e mantenimento del servizio di manutenzione relative alle centrali di Bertonico-Turano Lodigiano e Aprilia per 8.744 migliaia di euro;

■ immobilizzi materiali netti pari a 1.328.471 migliaia di euro relative principalmente agli impianti del Gruppo utilizzati sia per la produzione di energia da impianti termoe-lettrici che da impianti di energia rinnovabile ricavabile dalle biomasse vegetali e dal vento. Entrano in tale categoria le centrali termoelettriche (site nei comuni di Termoli, Modugno, Bertonico-Turano Lodigiano e Aprilia) con una potenza installata di circa 3,2 GW, le centrali termiche alimentate a biomassa, in Emilia-Romagna e in Calabria, aventi una capacità installata totale di circa 70 MW e gli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili eoliche, in Sicilia e Calabria, con una capacità totale installata totale di 300 MW;

■ immobilizzi finanziari e altre attività non correnti sono principalmente rappresentati dalla partecipazione detenuta nella società Tirreno Power SpA – partecipazione detenuta al 50% per il tramite della controllata Energia Italiana SpA – per euro 141.014 migliaia di euro, depositi pari a 41.108 rilasciati alle società che si occupano del trasporto dell’energia elettrica e della distribuzione del gas e alle controparti istituzionali con cui il Gruppo opera sul mercato dell’energia elettrica e del gas e depositi bancari vincolati pari a 4.149 migliaia di euro.

ANALISI DELLA STRUTTURA PATRIMONIALE E FINANZIARIA DEL GRUPPO

Il capitale circolante netto positivo è pari a 38.185 migliaia di euro. Nella voce si rilevano come voci più significative:

■ le rimanenze pari a 52.044 migliaia di euro si compongono per 22.448 migliaia di euro dal gas naturale, stoccato presso Stogit e IGS, per 12.337 migliaia di euro, dalle giacenze di pezzi di ricambio necessari per l’attività di manutenzione delle centrali del Gruppo, per 6.802 relative alle giacenze di biomassa vegetale e per 6.673 migliaia di euro per i prodotti in corso di lavorazione relativi allo sviluppo di progetti fotovoltaici valutati sulla base dei corrispettivi maturati;

■ crediti commerciali pari a 448.648 derivanti dalla somministrazione di energia elettrica e dalla vendita di gas naturale. L’adeguamento del valore nominale dei crediti al valore di presunto realizzo è ottenuto mediante apposito fondo svalutazione crediti pari a 28.956 migliaia di euro al 31 dicembre 2021. Il fondo svalutazione crediti rappre-senta la miglior stima del rischio di mancato adempimento delle obbligazioni assunte dalla clientela.

Tra i crediti verso clienti sono incluse fatture da emettere per 382.715 migliaia di euro;

le altre attività per 203.270 migliaia di euro accolgono principalmente il fair value degli strumenti finanziari derivati attivi su commodities rilevato in base all’applicazione del principio contabile OIC 32 per euro 90.876 migliaia, i crediti verso il Gestore dei Servizi Energetici per incentivi per 57.696 migliaia di euro di cui 45.022 relativi agli in-centivi maturati dalle società del Gruppo Bioenergie e 12.456 migliaia di euro relativi agli inin-centivi maturati per le 7 VRg WIND e i crediti verso erario per IVA corrente per 13.165 migliaia di euro, nonché i crediti maturati con il Superbonus per 9.629 migliaia di euro;

altre passività per 170.648 migliaia di euro accolgono principalmente il fair value negativo relativo agli strumenti finanziari derivati pari ad 86.586 migliaia di euro, il debito verso l’erario per IRES e IRAP dell’esercizio per 34.558 migliaia di euro, il debito rappresentativo dell’obbligo di consegnare quote CO2 al GSE, maturato per competenza alla produzione di energia elettrica e delle relative emissioni effettuate dalle centrali di proprietà del Gruppo per 5.559 migliaia di euro e il debito verso il personale dipen-dente per euro 10.372 migliaia di euro.

■ i debiti commerciali ammontano a 500.250 migliaia di euro di cui 424.451 per fatture da ricevere. Tali debiti sono complessivamente rappresentati dai costi per prestazioni di servizio e forniture, costi di trasporto e servizi accessori legati allo scambio di energia elettrica e gas.

Al 31 dicembre 2021 il Patrimonio Netto consolidato è pari a 884.969 migliaia di euro. Nel corso dell’esercizio il risultato di esercizio realizzato dal Gruppo ammonta a 207.910 migliaia di euro e sono state distribuite riserve per 35.000 migliaia di euro.

Il Patrimonio Netto include la riserva negativa per operazioni di copertura di flussi finanziari attesi cash flow hedge pari a 11.982 migliaia di euro.

Come evidenziato il capitale sociale della Società è stato ridotto, con effetto dal 28 luglio 2021, da 406.677 migliaia di euro a 150.000 migliaia di euro, tale riduzione ha incre-mentato le altre riserve.

ANALISI DELLA STRUTTURA PATRIMONIALE E FINANZIARIA DEL GRUPPO

Nelle tabelle che seguono è illustrata la composizione per scadenza e per natura dell’Indebitamento Finanziario Netto, come esposto in bilancio e al valore nominale.

EUR/000

31/12/2021 DEBITI FINANZIARI A MEDIO LUNGO TERMINE

Obbligazioni non correnti

-Debiti non correnti per finanziamenti vs banche (722.200)

Altri debiti finanziari (2.104)

Al 31 dicembre 2021, la posizione finanziaria netta corrente risulta positiva per 609 migliaia di euro mentre la posizione finanziaria netta non corrente risulta negativa pari a 728.302 migliaia di euro.

Si evidenzia che l’indebitamento finanziario netto comprende le attività e le passività finanziarie da fair value dei contratti finanziari derivati, stipulati a copertura del rischio tasso di interesse, per un valore netto negativo pari a 3.998 migliaia di euro al 31 dicembre 2021.

ANALISI DELLA STRUTTURA PATRIMONIALE E FINANZIARIA DEL GRUPPO

Nella tabella che segue, infine, si evidenziano i valori nominali dell’Indebitamento Finanziario Netto e gli effetti della sua iscrizione secondo i principi ai contabili nazionali OIC, adottati dal Gruppo Sorgenia, che prevedono la valutazione dei debiti finanziari al costo ammortizzato e delle attività e passività relativi agli strumenti finanziari derivati al fair value.

-Debiti non correnti per finanziamenti vs banche (731.495) 9.295 (722.200)

Altri debiti finanziari non correnti (2.104) - (2.104)

DEBITI (CREDITI) FINAZIARI A BREVE TERMINE

Obbligazioni correnti - -

-Debiti correnti per finanziamenti vs banche (195.862) 5.484 (190.378)

Altri crediti finanziari correnti 48.202 - 48.202

DISPONIBILITÀ LIQUIDE

-Disponibilità liquide 142.785 - 142.785

DEBITI (CREDITI) FINANZIARI VS SOCIETA’ CONTROLLATE

Crediti finanziari correnti vs controllante - -

-Crediti finanziari correnti vs controllate - -

-Debiti finanziari correnti vs controllante - -

-Debiti finanziari correnti vs controllante - -

-STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

Attività da contratti di copertura finanziaria - 549 549

Passività da contratti di copertura finanziaria - (4.547) (4.547)

Indebitamento Finanziario a Lungo Termine (733.599) 5.297 (728.302)

Indebitamento Finanziario a Breve Termine (4.875) 5.484 609

INDEBITAMENTO FINANZIARIO NETTO (738.474) 10.781 (727.693)

In particolare, tali effetti sono rappresentati, in base a quanto richiesto dall’ OIC 19, dalla contabilizzazione secondo il criterio del costo ammortizzato in presenza di attualizza-zione dei debiti finanziari, per 14.779 migliaia di euro, e dalla rilevaattualizza-zione al fair value degli strumenti finanziari derivati stipulati a copertura del rischio tasso di interesse, per un valore netto negativo pari a 3.998 migliaia di euro al 31 dicembre 2021. Si evidenza che l’effetto fair value da costo ammortizzato è unicamente dovuto alle fees sostenute per l’accensione sul finanziamento.

ANALISI DELLA STRUTTURA PATRIMONIALE E FINANZIARIA DEL GRUPPO

Il debito bancario è pari a complessivi 912.578 contiene 868 migliaia di euro di interessi e la restante parte pari a 911.710 migliaia di euro è così suddivisa:

linee di debito term loan (Tranche 1 e Tranche 2) sottoscritte da Sorgenia SpA per un importo residuo di 604.628 migliaia di euro corrispondente ad un valore nominale pari a 616.200 migliaia di euro e una linea di debito revolving di 73.707 euro migliaia corrispondente ad un valore nominale pari a 75.000 migliaia di euro. Sia le linee di debito term loan sia quella revolving hanno la scadenza fissata a dicembre 2024;

■ finanziamenti stipulati dalla VRg WIND 030 S.r.l., VRg WIND 040 S.r.l. e VRg WIND 060 S.r.l con un pool di banche per un importo residuo pari a 56.820 corrispondente ad un valore nominale pari a 57.532 migliaia di euro;

finanziamenti “multiborrower” stipulati dalla VRg WIND 070 S.p.A., VRg WIND 129 S.p.A., VRg WIND 819 S.p.A. e VRg WIND 840 S.p.A. di un importo complessivo di 82.834 migliaia di euro con un pool di banche;

■ finanziamenti stipulati dal Gruppo Sorgenia Bioenergie con alcuni pool di banche per un importo residuo di 92.610 migliaia di euro corrispondente ad un valore nominale pari a 93.812 migliaia e 9.800 migliaia di euro a titolo di linee di debito revolving al momento non utilizzati dalla Gruppo. Tali finanziamenti hanno le seguenti caratteristiche:

finanziamento di Sorgenia Bioenergie S.p.A. stipulato nel 2017 con un pool di banche per un importo originario pari a 35.000 migliaia di euro a titolo di “Base Facility” e 6.400 migliaia di euro a titolo di linee di debito revolving al momento non utilizzate dalla società. Il debito residuo al 31 dicembre 2021 è pari a 11.709 migliaia di euro (pari ad un valore nominale di 11.838 migliaia di euro);

finanziamento di Sorgenia Finale Emilia S.r.l. stipulato nel 2018 con un pool di banche per un importo originario pari a 33.500 migliaia di euro a titolo di “Base Facility” e 6.014 migliaia di euro originarie a titolo di linee di debito revolving al momento non utilizzate dalla società. Il debito residuo è pari a 20.144 (pari ad un valore nominale di 20.474 migliaia di euro);

— finanziamento di Mercure S.r.l. ha stipulato nel 2019 con un pool di banche per un importo originario pari a 95.300 migliaia di euro a titolo di linea amortizing “Tranche A” e 17.075 migliaia di euro a titolo di linee revolving non utilizzate dalla società, con scadenza al 30 giugno 2026. Il debito residuo è pari a 60.757 migliaia di euro (pari ad un valore nominale al 31 dicembre 2021 è pari a 61.500 migliaia di euro).

Gli interessi dei contratti di finanziamento sono a tasso variabile sulla base Euribor a sei mesi, a cui si somma uno spread di 190 bps.

ANALISI DELLA STRUTTURA PATRIMONIALE E FINANZIARIA DEL GRUPPO

Nel documento 2 ( 0 Annual R 21 eport ) (pagine 33-39)