RISULTATI ECONOMICI DEL GRUPPO

Nel documento 2 ( 0 Annual R 21 eport ) (pagine 29-33)

Godimento beni di terzi e oneri diversi (-) (25.740)

C - VALORE AGGIUNTO 479.758

Accantonamenti ai fondi rischi ed oneri (-) (11.083)

E - UTILE OPERATIVO NETTO 312.478

Utile (perdita) di esercizio di competenza di terzi (116)

H - UTILE (PERDITA) DI ESERCIZIO DEL GRUPPO 207.910

Si riporta di seguito l’evidenza dei principali risultati di conto economico del Gruppo adjusted qualora si tenesse conto della capitalizzazione dei costi per l’acquisizione di nuovi clienti (c.d “Cost to acquire”), al 31 dicembre 2021:

EUR/000

Godimento beni di terzi e oneri diversi (-) (25.740)

C - VALORE AGGIUNTO 490.619

Costo del lavoro (-) (48.969)

Proventi (Oneri) da attività di trading (10.575)

Rivalutazione (svalutazione) partecipazioni a controllo congiunto 23.945

D - MARGINE OPERATIVO LORDO 455.020

I ricavi delle vendite consolidati nel 2021 risultano pari a 3.409.507 migliaia di euro e sono da attribuirsi principalmente a (i) ricavi per l’attività di Energy Management svolta sui mercati all’ingrosso e sul Mercato dei Servizi di Dispacciamento (MSD) per 2.674.296 migliaia di euro, (ii) ricavi verso clienti finali per 690.647, (iii) ricavi per la vendita di energia elettrica delle società del gruppo VRg per 12.922 migliaia di euro. e (iv) ricavi per la vendita di diritti di emissione CO2 e certificati d’origine per 27.353 migliaia di euro.

Gli altri ricavi e proventi pari a 198.730 migliaia di euro, comprendono principalmente (i) i contributi incentivanti per l’energia prodotta da biomasse vegetali e dagli impianti eolici per euro 167.373, (ii) i corrispettivi riconosciuti da Terna attribuiti al “corrispettivo per la disponibilità di capacità produttiva ai sensi della Delibera 48/04” 202 base e ulteriore per gli impianti di Sorgenia Power SpA per 8.517 migliaia di euro, (iii) i maggiori ricavi di competenza di esercizi precedenti pari a 5.321 migliaia di euro di cui 2.430 migliaia di euro non stanziati o stanziati in difetto relativi ai conguagli riconosciuti da Terna e 2.891 migliaia di euro, relativi al maggior riconoscimento del corrispettivo per le unità essenziali dell’impianto di Modugno, di proprietà della controllata Sorgenia Puglia SpA.

I costi per consumo di materie prime, nel 2021 risultano pari a 2.660.464 migliaia e sono principalmente legati al costo per acquisti di beni per 2.454.952 e ai costi di acquisto dei diritti e certificati per 204.953 migliaia di euro.

ANDAMENTO DELLA GESTIONE DEL GRUPPO

I costi per servizi pari a 454.846 sono principalmente composti dai (i) costi di trasporto e stoccaggio per euro 318.351 migliaia di euro relativi agli oneri sostenuti per il tra-sporto e dispacciamento di energia elettrica, e i costi di tratra-sporto e distribuzione del gas, (ii) costi di vendita e distribuzione per euro 40.985 migliaia di euro relativi ai costi di assistenza alla clientela, per i servizi di fatturazione esterna, (iii) i costi di gestione del credito e per i servizi post-vendita erogati alla clientela, (iv) costi di manutenzione per 39.563 migliaia di euro, relativi ai contratti di manutenzione stipulati i per il mantenimento ed il ripristino di efficienza degli impianti di proprietà del Gruppo e (iv) consulenze e costi per servizi per 42.440 migliaia di euro che sono connessi principalmente alle consulenze informatiche necessarie per adeguare i sistemi delle società del Gruppo alle modifiche della normativa vigente in tema di energia elettrica e gas, oltre che per soddisfare le esigenze degli utenti che necessitano di sistemi sempre più in grado di supportarli nella gestione delle problematiche connesse alla clientela.

Si sottolinea infine, che il saldo dei costi per servizi esposto in bilancio al 31 dicembre 2021 accoglie i costi sostenuti dal Gruppo per l’acquisizione di nuovi clienti (Cost to acquire), per un ammontare pari a 10.861 migliaia di euro.

La variazione delle rimanenze, pari a 10.906 migliaia di euro, è principalmente rappresentativa della variazione netta di acquisti e vendite di gas naturale per 6.382 migliaia di euro, ricambi e altre rimanenze per euro 5.556 migliaia di euro, parzialmente compensato dalla variazione negativa delle rimanenze di biomasse vegetali per euro 1.034 migliaia di euro.

La voce godimento beni di terzi e oneri diversi, pari a 25.740 migliaia di euro accoglie principalmente: i costi sostenuti per la locazione degli uffici e degli immobili non di pro-prietà delle società del Gruppo e altri costi di locazione per 8.241 migliaia di euro, gli oneri diversi di gestione relativi principalmente agli obblighi verso il GSE di restituzione delle quote di CO2 per 5.558 migliaia di euro da parte delle centrali del Gruppo, e le sopravvenienze passive per 2.903 migliaia di euro.

Il costo del lavoro pari a 48.969 include l’intera spesa per il personale dipendente, ivi compresi i miglioramenti di merito, i passaggi di categoria, gli scatti di contingenza, il costo delle ferie non godute e gli accantonamenti a norma di legge e dei contratti collettivi e i premi produzione.

La voce “Rivalutazione (svalutazione) partecipazioni a controllo congiunto” (23.945 migliaia di euro nel 2021), rappresenta il provento per raggiungere il valore pro quota del patrimonio netto rilevato al 31 dicembre 2021 al fine di allineare il valore della partecipazione nella consociata Tirreno Power alla corrispondete frazione di patrimonio netto (pari al 50%) di competenza del Gruppo al netto del valore nominale degli Strumenti Finanziari Partecipativi, SFP (per maggiori dettagli si rimanda al paragrafo successivo

“Analisi dei principali settori di attività”).

Il Margine Operativo Lordo del 2021 è pari a 444.158 migliaia di euro è riconducibile principalmente alla generazione termoelettrica (210.255 migliaia di euro), alla generazio-ne eolica (105.809 migliaia di euro), alla gegenerazio-neraziogenerazio-ne da biomasse (96.068 migliaia di euro), all’effetto dalla rivalutaziogenerazio-ne della partecipaziogenerazio-ne in Tirreno Power pari a 23.945 migliaia di euro, nonché all’attività di vendita di energia elettrica, gas naturale e servizi ai clienti finali.

ANDAMENTO DELLA GESTIONE DEL GRUPPO

Il Risultato Operativo del 2021 è positivo per 312.478 migliaia di euro è imputabile essenzialmente alla dinamica positiva del Margine Operativo Lordo, di cui si è detto in pre-cedenza, parzialmente compensato dagli accantonamenti a fondo svalutazione crediti e per rischi ed oneri e agli ammortamenti di periodo.

La gestione finanziaria (comprensiva delle voci “Proventi/oneri finanziari netti” e Rivalutazione/svalutazione attività finanziarie”) presenta un onere netto di 41.211 migliaia di euro.

■ La gestione finanziaria del 2021 è caratterizzata da:

■ interessi passivi sul valore nominale dei debiti pari a 26.193 migliaia di euro;

■ interessi passivi figurativi derivanti dalla “valutazione al costo ammortizzato” pari a 7.200 migliaia di euro;

■ commissioni sui finanziamenti bancari per 1.459 migliaia di euro;

■ interessi passivi su strumenti derivati per 2.929 migliaia di euro;

■ interessi attivi e passivi vari complessivi 318 migliaia di euro negativi relativi oneri finanziari per il superbonus ed ecobonus oltre che interessi di mora su accertamento notificato Visco Sud 2012;

■ commissioni e spese su garanzie e fidejussioni per 2.847 migliaia di euro.

Il risultato consolidato prima delle imposte è positivo per 271.267 migliaia di euro.

La componente fiscale è negativa per 63.473 migliaia di euro è principalmente riferita:

■ imposte per IRAP, di competenza dell’esercizio 2021, per 14.539 migliaia di euro;

■ imposte per IRES, di competenza dell’esercizio 2021, per 34.540 migliaia di euro;

■ imposte differite attive e passive su differenze temporanee, per 14.411 migliaia di euro.

Il Gruppo Sorgenia, a seguito di quanto sopra riportato evidenzia, nell’esercizio 2021, un utile pari a 207.794 migliaia di euro.

ANDAMENTO DELLA GESTIONE DEL GRUPPO

Nel documento 2 ( 0 Annual R 21 eport ) (pagine 29-33)