D.4 – Debiti verso le banche

Nel documento 2 ( 0 Annual R 21 eport ) (pagine 169-173)

La voce debiti verso banche, pari a 912.578 migliaia di euro, accoglie: (i) i debiti verso banche per finanziamenti, per un ammontare di 911.710 migliaia di euro, (ii) gli oneri bancari non ancora addebitati alla data del 31 dicembre 2021 pari a 868 migliaia di euro.

Si evidenzia che al 31 dicembre 2021 i covenants con gli Istituti di credito sono stati rispettati.

Nella tabella seguente si dettagliano le caratteristiche del finanziamento bancario del Gruppo alla data di chiusura dell’esercizio:

EUR/000

SORGENIA SPA Linea Term Loan e Revolving dic-24 691.200 678.335 129.529 548.806

VRg WIND 030 SRL Project finance dic-25 25.387 25.079 7.293 17.787

VRg WIND 040 SRL Project finance dic-25 8.719 8.615 3.515 5.101

VRg WIND 060 SRL Project finance dic-25 23.426 23.125 8.934 14.192

VRg WIND 070 SPA Project finance giu-26 40.809 40.809 8.968 31.841

VRg WIND 129 SPA Project finance dic-24. 6.916 6.916 2.243 4.673

VRg WIND 819 SPA Project finance giu-26 20.235 20.235 4.195 16.040

VRg WIND 840 SPA Project finance giu-26 14.874 14.874 3.108 11.766

SORGENIA BIOENERGIE SPA Project finance giu-24 11.838 11.709 4.334 7.376

SORGENIA FINALE EMILIA SRL Project finance giu-29 20.474 20.144 3.157 16.987

MERCURE SRL Project finance giu-26 61.500 60.757 14.514 46.243

GREEN POWER MARCALLESE SRL Project finance giu-32 1.110 1.110 1.110

DEBITI FINANZIARI VERSO BANCHE 926.488 911.710 189.790 721.920

DESCRIZIONE DEGLI ELEMENTI PASSIVI

I debiti verso banche per finanziamenti della Capogruppo Sorgenia SpA al 31 dicembre 2021 comprendono il valore del costo ammortizzato del debito in essere e risultano pari a 678.335 migliaia di euro, corrispondente ad un valore nominale pari a 691.200 migliaia di euro.

In data 6 ottobre 2020 è divenuta operativa la nuova struttura di finanziamento del Gruppo Sorgenia, che è costituita da una linea di debito term loan di 529.000 migliaia di euro (Tranche 2) ed una linea di debito revolving di 75.000 euro migliaia concesso a Sorgenia SpA, a tasso variabile (euribor 6 mesi per le linee term loan e 3/6 mesi per la linea revolving) con un margine iniziale di 3,50%, che si è ridotto in base al raggiungimento di definite soglie del rapporto Net Debt/EBITDA al 2,75% nel corso dell’ultimo semestre.

Si segnala che al 31 dicembre 2021 è stata accesa la linea revolving per l’importo di 75.000 migliaia di euro.

In data 10 giugno 2021 Sorgenia SpA è divenuta titolare mediante fusione per incorporazione con la società Zaffiro SpA, della linea di debito term loan di 211.000 migliaia di euro (Tranche 1), che, come la “Tranche 2” è a tasso variabile (euribor 6 mesi) con un margine iniziale di 3,50% che si è ridotto in base al raggiungimento di definite soglie del rapporto Net Debt/EBITDA al 2,75% nel corso dell’ultimo semestre.

La Capogruppo Sorgenia SpA, nel corso dell’esercizio in esame, ha rimborsato complessivi 94.200 migliaia di euro di quota capitale (35.300 migliaia di euro sulla “Tranche 1” e 58.900 migliaia di euro sulla “Tranche 2”) a cui si aggiungono interessi per 22.022 migliaia di euro (6.428 migliaia di euro sulla “Tranche 1” e 15.594 migliaia di euro sulla

“Tranche 2”).

Sia le linee di debito term loan sia quella revolving hanno la scadenza fissata a dicembre 2024.

Le linee di debito term loan prevedono rate semestrali ed un pagamento balloon finale, mentre la linea revolving prevede la possibilità di effettuare un massimo di 15 utilizzi contemporanei con periodo di interessi e rimborso a 3 o 6 mesi; relativamente a quest’ultima, esiste anche una committment fee sugli importi non erogati del 35% del margine di riferimento.

È previsto un meccanismo di ulteriore ripagamento anticipato tramite cash sweep che insiste sull’eccesso di cassa generata, da applicarsi dapprima annualmente e poi semestralmente da giugno 2022.

A garanzia del contratto di finanziamento i conti correnti bancari della Capogruppo sono sottoposti a pegno a favore degli istituti eroganti.

La Capogruppo Sorgenia SpA ha inoltre in essere un contratto di finanziamento “accise” costituito da una linea fino a 70.000 migliaia di euro messa a disposizione della Società per coprire il fabbisogno finanziario che dovesse derivare da eventuali richieste di rimborso sulle accise a suo tempo pagate dai clienti finali e da questi non dovute

DESCRIZIONE DEGLI ELEMENTI PASSIVI

ai sensi della vigente normativa. Il pagamento, anche a seguito di sentenza, dei rimborsi ai clienti finali da parte della società fa sorgere in capo a quest’ultima un credito nei confronti dell’Erario.

La sottoscrizione del contratto di finanziamento accise ha costituito una delle tre condizioni previste dall’operazione di cessione delle azioni di Sorgenia SpA.

Il finanziamento “accise” ha un tasso annuo pari a 2,25%, che viene sommato all’euribor a tre mesi (con floor a zero), ed una commissione di mancato utilizzo pari all’1%

annuo.

I debiti verso banche per finanziamenti del Gruppo Sorgenia Bioenergie al 31 dicembre 2021 comprendono il valore del costo ammortizzato del debito in essere e risultano pari a 92.610 migliaia di euro, corrispondente ad un valore nominale pari a 93.812 migliaia di euro.

Di seguito, si riportano le principali informazioni relative ai finanziamenti sottoscritti dalle società del Gruppo Sorgenia Bionergie:

■ il 22 novembre 2017 Sorgenia Bioenergie S.p.A. ha stipulato un contratto di finanziamento con un pool di banche per un importo originario pari a 35.000 migliaia di euro a titolo di “Base Facility” e 6.400 migliaia di euro a titolo di linee di debito revolving al momento non utilizzate dalla società. Il debito residuo al 31 dicembre 2021 è pari a 11.709 migliaia di euro (pari ad un valore nominale di 11.838 migliaia di euro);

■ il 18 ottobre 2018 Sorgenia Finale Emilia S.r.l. ha stipulato un contratto di finanziamento con un pool di banche per un importo originario pari a 33.500 migliaia di euro a titolo di “Base Facility” e 6.014 migliaia di euro originarie a titolo di linee di debito revolving al momento non utilizzate dalla società; si rappresenta che una delle due linee revolving è scaduta nel mese di novembre 2021. Il debito residuo al 31 dicembre 2021 è pari a 20.144 migliaia di euro (pari ad un valore nominale di 20.474 migliaia di euro);

■ il 1° marzo 2019 Mercure S.r.l. ha stipulato un contratto di finanziamento con un pool di banche per un importo originario pari a 95.300 migliaia di euro a titolo di linea amortizing “Tranche A” e 17.075 migliaia di euro a titolo di linee revolving non utilizzate dalla società, con scadenza al 30 giugno 2026. Il debito residuo al 31 dicembre 2021 è pari a 60.757 migliaia di euro (pari ad un valore nominale di 61.500 migliaia di euro);

Gli interessi dei contratti di finanziamento sono a tasso variabile sulla base Euribor a sei mesi, a cui si somma uno spread di 190 bps.

Le società del Gruppo hanno sottoscritto dei contratti interest rate swap a copertura delle variazioni sui tassi di interesse sui finanziamenti. I prodotti derivati sono stati emessi dalle stesse banche finanziatrici, hanno durata coincidente con la durata dei finanziamenti pluriennali sottostanti ed una percentuale di copertura pari al 70% circa di quanto finanziato.

DESCRIZIONE DEGLI ELEMENTI PASSIVI

Ai fini di garantire l’adempimento di tutte le obbligazioni di pagamento derivanti dai finanziamenti ricevuti, le società Sorgenia Bionergie SpA, Sorgenia Finale Emilia S.r.l.

e Mercure S.r.l. hanno sottoscritto ciascuna (i) un atto di pegno sui saldi dei conti correnti intestati alla società, (ii) un pegno sulle quote della società in favore delle banche finanziatrici (iii) e un’ipoteca sugli impianti produttivi di proprietà.

La Sorgenia Bioenergie S.p.A ha inoltre ceduto in garanzia i crediti derivanti dalle polizze assicurative e dai contratti di vendita dell’energia.

I debiti verso banche per finanziamenti delle 7 VRg Wind al 31 dicembre 2021 comprendono il valore del costo ammortizzato del debito in essere e risultano pari a 139.654 migliaia di euro, corrispondente ad un valore nominale pari a 140.366 migliaia di euro.

Di seguito, si riportano le principali informazioni relative ai finanziamenti sottoscritti dalle 7VRg WIND:

■ A febbraio 2019 le società VRg WIND 030 S.r.l., VRg WIND 040 S.r.l. e VRg WIND 060 S.r.l. hanno stipulato un accordo di finanziamento con un pool di banche per un im-porto originario pari a 125.300 migliaia di euro, di cui 46.500 migliaia di euro a favore di VRg WIND 030 S.r.l., 19.000 migliaia di euro a favore di VRg WIND 040 S.r.l., 49.000 migliaia di euro a favore di VRg WIND 060 S.r.l., oltre a 10.800 migliaia di euro di linea complessiva a servizio del debito nel caso le società necessitino di ulteriore liquidità.

Il nuovo finanziamento è strutturato quale operazione c.d. “multiborrower” in quanto ne sono beneficiarie e garanti, contestualmente, tutte e tre le società ed è stato ef-fettuato al fine di (i) rimborsare le linee esistenti, (ii) finanziare l’ampliamento dei parchi eolici esistenti e (iii) supportare le esigenze finanziarie complessive (ivi inclusa la distribuzione di dividendi).

Il 9 giugno 2016 le società VRg WIND 070 S.p.A., VRg WIND 129 S.p.A., VRg WIND 819 S.p.A. e VRg WIND 840 S.p.A. hanno stipulato un contratto di finanziamento “multibor-rower” di importo complessivo originario pari a 189.800 migliaia di euro (suddivisi in una linea di credito base pari a 178.300 migliaia di euro e di una linea stand-by pari a 11.500 migliaia di euro). Il finanziamento multiborrower, prevede inoltre un meccanismo di c.d. cross collateral implementato attraverso un sistema di cash pooling, ovvero accentramento della tesoreria presso la società VRg WIND 840 S.p.A. del gruppo, nei termini delle formulazioni contrattuali con gli Istituti di credito.

Le principali garanzie concesse agli Istituti di credito sono: (i) Ipoteche di primo grado sugli immobili di titolarità della Società, (ii) il privilegio speciale sui beni aziendali dei parchi eolici, (iii) la costituzione in pegno sul saldo dei conti correnti bancari e (iv) la cessione in garanzia dei crediti.

Le società hanno sottoscritto con il pool di banche finanziatrici contratti di interest rate swap sui finanziamenti in essere, la cui estinzione è prevista tra il 2024 e il 2026.

In data 28 dicembre 2020 è stata accesa una linea di debito concessa da Banco BPM S.p.A. da parte della controllata Green Power Marcallese Srl. L’erogazione del finanzia-mento è iniziata nel mese di dicembre 2021 e ha interessato per 470 migliaia di euro la linea Senior e per 639 migliaia di euro la linea IVA.

DESCRIZIONE DEGLI ELEMENTI PASSIVI

Ciascun periodo di interessi relativo alle varie linee concesse avrà durata pari a 6 mesi e terminerà ciascun 31 dicembre e 30 giugno ad eccezione del primo periodo di inte-ressi che decorrerà dalla relativa data di erogazione e terminerà il primo 31 dicembre o 30 giugno immediatamente successivo. Il tasso di interesse relativo a ciascun periodo di interessi sarà pari all’Euribor maggiorato del margine di volta in volta applicabile a ciascuna linea di credito (Tasso di interesse).

La società Green Power Marcallese Srl a supporto dell’operazione di project financing no recourse ha rilasciato le seguenti garanzie: (i) pegno sul 100% delle quote del Be-neficiario, (ii) Ipoteca di primo grado sugli assets immobiliari relativi agli impianti, (iv) privilegio speciale ex art. 46 TUB sugli impianti, (v) pegno sui conti correnti di progetto, (vi) cessione in garanzia dei crediti del Beneficiario nascenti dai Contratti di Progetto, (vii) cessione in garanzia dei crediti del Beneficiario derivanti da tariffe incentivanti e dei crediti IVA.

D.6 – Acconti

Il saldo esposto nella voce acconti, pari a 918 migliaia di euro, al 31 dicembre 2021, riferisce principalmente agli anticipi ricevuti dalla controllata Sorgenia Green Solutions Srl per euro 791 migliaia di euro per la realizzazione dei progetti fotovoltaici, la restante parte degli acconti pari a 127 migliaia di euro fa riferimento a Sorgenia Puglia SpA rela-tiva gli anticipi sulle forniture di energia elettrica che la società si è impegnata ad erogare al Consorzio per l’area di sviluppo industriale di Bari per un periodo di dodici anni.

Nel documento 2 ( 0 Annual R 21 eport ) (pagine 169-173)