Altre attività

Nel documento Cassa di Risparmio di Cento S.p.A. RELAZIONI E BILANCIO (pagine 40-43)

Attività inerenti il Personale

Il numero dei dipendenti al 31/12/2019 era pari a 420 di cui 212 maschi e 208 femmine, di cui 410 con contratto a tempo indeterminato e 10 con contratto a tempo determinato; erano 426 al 31/12/2018. Le assunzioni nel corso dell’anno sono state 14, di cui 2 a tempo indeterminato e 12 a tempo indeterminato. Non ci sono state conferme in servizio nel corso dell’ anno. L’età media è pari 46 anni.

Le cessazioni dal servizio nell’anno 2019 sono state in totale 18 (una per decesso, 6 per quiescenza, 8 per dimissioni volontarie dei lavoratori e 3 per scadenza del contratto a tempo determinato).

Nel corso del 2019, la Cassa di Risparmio di Cento S.p.A. ha inoltre continuato a beneficiare del ricorso al “Fondo di solidarietà per il sostegno del reddito, dell’occupazione, della riconversione e riqualificazione professionale del personale dipendente delle imprese del settore del credito”

avviato nel 2017 e che ha visto uscire 10 dipendenti.

Contesto Giuslavoristico e Relazioni Sindacali

Il 2019 ha visto la conclusione di diversi accordi aziendali in tema di: Formazione Finanziata e criteri per fruire della c.d. “detassazione” dei premi di risultato.

E’ stato confermato l’accordo raggiunto il 30/08/2018 in tema di “smart working” (inteso come possibilità per alcuni colleghi di poter lavorare per 2 giorni a settimana in una postazione situata presso una sede/filiale più vicina alla propria residenza).

Dal punto di vista giuslavoristico e normativo una grossa novità è stata apportata dalla revisione dei criteri pensionistici secondo la c.d. “Quota 100” che ha determinato l’anticipo delle decorrenze di maturazione dei requisiti pensionistici rispetto alle precedenti normative ed ha visto l’uscita di 5 colleghi nel corso del 2019 ed uno con decorrenza 1/01/2020.

L’attività formativa nel 2019

I principali interventi formativi realizzati nel corso del 2019 hanno riguardato l’aggiornamento il potenziamento delle abilità digitali per favorire nuovi servizi per clienti e dipendenti; la creazione di nuove figure professionali nell’area finanza e lo sviluppo di servizi d’eccellenza per la clientela con patrimoni complessi; il presidio del rischio di credito fin dalla fase istruttoria.

Gli obiettivi formativi suddetti sono stati realizzati attraverso due Piani: il Piano “Mind the G.A.P.

(Grado di Apprendimento e Potenziale) - Take the S.T.E.P. (Sistemi di Trasformazione e Prospettive di Crescita)”, realizzato tra la fine del 2018 ed il primo semestre 2019 ed il Piano

“COMPLI.MENTI: COMPLessità e cambiaMENTI”, iniziato alla fine del 2019 e tutt’ora in corso.

Attraverso il Piano “Mind the G.A.P. (Grado di Apprendimento e Potenziale) - Take the S.T.E.P.

(Sistemi di Trasformazione e Prospettive di Crescita)” sono stati previsti corsi dedicati a tutti i dipendenti che assistono la clientela in tutte le operazioni digitali e nella diffusione di servizi innovativi; corsi dedicati alla nuova figura del Consulente Family per il potenziamento delle conoscenze del mercato locale retail, dei prodotti di investimento e delle capacità relazionali; corsi finalizzati al mantenimento della Certificazione Efa; corsi dedicati allo sviluppo di competenze d’eccellenza, tecnico normative e di relazione, per i Consulenti Private Banker; infine, corsi finalizzati ad intercettare i positivi trend di mercato e confermare i dati positivi sui NPL per gestire efficacemente il rischio di credito.

Attraverso il Piano Formativo “COMPLI.MENTI: COMPLessità e cambiaMENTI”, sono stati programmati interventi formativi dedicati a: responsabili di filiale per il presidio della qualità del credito fin dalla fase di istruttoria ed il potenziamento delle competenze necessarie per la vendita di prodotti di credito retail; ai Consulenti Family per lo sviluppo della consulenza alle famiglie; ai Consulenti Private Banker per il potenziamento delle competenze necessarie allo sviluppo dei servizi d’eccellenza per la clientela con patrimoni complessi ed esigenze articolate.

Piano formativo “Formazione e informazione dei lavoratori in materia di D.Lgs. 81/2008 - Tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro”

Per quanto riguarda la formazione obbligatoria, anche nel corso del 2019, sono stati erogati corsi di formazione e informazione dei lavoratori in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, in ottemperanza agli obblighi introdotti dal Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81, con particolare riferimento alla prima formazione obbligatoria per “Preposti” e “Sostituti” (8 ore), Addetti Antincendio (4 ore) e Primo soccorso (12 ore), alla formazione obbligatoria generale e specifica per il Personale Aziendale (8 ore) oltre che all’aggiornamento obbligatorio per i dipendenti che già avevano fruito della suddetta formazione negli anni precedenti.

Oltre alle attività formative relative ai piani sopra citati, anche per l’anno 2019, sono stati realizzati interventi formativi riguardanti la normativa Antiriciclaggio, la materia assicurativa in ottemperanza al Regolamento IVASS, la Trasparenza e la Privacy bancaria e la normativa MifidII.

Nel complesso, l’attività formativa 2019 ha coinvolto 406 dipendenti per un totale di 28.703 ore di formazione, delle quali 15.496 in aula e 13.207 in modalità e-learning.

42 Attività di logistica e sicurezza

Durante il 2019 oltre alle svariate attività ordinarie relative alla gestione del patrimonio immobiliare strumentale e non strumentale, sono state svolte diverse attività straordinarie.

A seguire si elencano in dettaglio i principali interventi effettuati:

• Sopralluoghi per ricerca immobili per nuove filiali o rilocation, e relative trattative per la locazione;

• Realizzazione di nuova area self presso la filiale di San Venanzio di Galliera;

• Lavori di sostituzione bussole, rifacimento dell’ingresso e della sala principale nella filiale di San Pietro in Casale;

• Lavori di ristrutturazione dell’immobile in cui è stata trasferita la filiale di Castelfranco Emilia ;

• Dismissione e disallestimento della vecchia filiale di Castelfranco Emilia;

• Lavori di implementazione dei sistemi di allarme e/o sistemi antieffrazione in filiali varie;

• Nuovi impianti di climatizzazione invernale/estiva nelle filiali di Ferrara sud e Ozzano;

• Lavori di messa a norma degli impianti di filiali varie;

• Interventi di ripristino locali, eseguiti con carattere di urgenza a seguito di esplosioni/attacco ATM nella filiale di Coronella.

Attività organizzative e di gestione dei costi

Durante il 2019 le attività organizzative e di controllo dei costi sono state principalmente focalizzate sugli argomenti di seguito delineati:

- Attivazione Fatturazione elettronica per la Banca e per Ifiver (ciclo passivo e ciclo attivo);

- Affinamenti progetto Firma elettronica Avanzata;

- Attivazione nuovo servizio Home Banking compatibile alla normativa Psd2;

- Attivazione delle nuove previsioni normative PSD2;

- Integrazione Compagnia Arca assicurazioni (vita e danni);

- Attivazione norme aggiornate GDPR – Privacy;

- Aggiornamento norme, contratti e informative legati alla normativa Mifid;

- Aggiornamento norme, processi relativi alla gestione degli assegni;

- Attivazione nuovo portale aziendale interno;

- Aggiornamento processi per WistleBlowing (CrCento e Ifiver);

- Conclusione progetto per attivazione FEA in mobilità;

- Conclusione progetto Voip Vodafone con eliminazione centralini Fisici;

- Mantenimento in efficienza dei telefoni cellulari aziendali;

- Attivazione rete in fibra ad alta velocità nella sede centrale della banca;

- Sostituzione di tutti i PC della banca con aggiornamento a Windows10;

- Aggiornamento della struttura dei 2 siti di Castellazzo Bormida e di Cento che ospitano i Server della Banca;

- Ampliamento e controllo del parco ATM/SelfService della Banca.

Il sistema dei controlli

Il Servizio Risk Management opera con l'obiettivo di dare efficace esecuzione a quanto previsto dal Regolamento Generale Aziendale, di contribuire al funzionamento organico del Sistema dei Controlli Interni e di consentire al Consiglio di Amministrazione di essere sempre aggiornato sulle soluzioni più adeguate per garantire una sana e prudente gestione dei rischi della Cassa. Il Servizio, che riporta direttamente al Consiglio di Amministrazione, ha consolidato il proprio ruolo nei principali processi di governo della banca (RAF, Pianificazione strategica, ICAAP/ILAAP) come richiesto dalla normativa e come suggerito dalle migliori prassi gestionali. Nell’anno 2019 è proseguito il contributo in materia di Operazioni di Maggior Rilievo, sulle quali il Risk Management ha espresso 71 pareri. Per quanto riguarda le attività di misurazione e controllo dei rischi, il Servizio ha consolidato le attività di verifica del monitoraggio andamentale del credito; ha

gestito l’aggiornamento del Recovery Plan e del Piano Operativo NPL richiesti dall’Autorità di vigilanza; ha effettuato il monitoraggio nel continuo dell’applicazione del nuovo principio contabile IFRS 9; ha partecipato alle attività propedeutiche per la Manovra di modifica unilaterale sul corrispettivo per la messa a disposizione delle Somme ed è stato referente di 9 cantieri di integrazione con Banca Popolare di Sondrio, operazione non concretizzatasi. In generale, il Servizio ha assicurato una costante attività di analisi delle principali novità normative e gestionali in materia di vigilanza prudenziale

Il Servizio Compliance e Antiriciclaggio, nel corso dell’anno 2019 ha prestato particolare attenzione alla gestione del rischio di non conformità con riguardo agli ambiti normativi di più significativo impatto nell’attività aziendale, quali trasparenza nei confronti della clientela, gestione dei conflitti di interesse e attività di intermediazione mobiliare.

Ha provveduto al recepimento delle previsioni della Direttiva UE 2018/843 del 30 maggio 2018 relativa alla prevenzione dell’uso del sistema finanziario a fini di riciclaggio o finanziamento del terrorismo (c.d. V Direttiva Antiriciclaggio) tramite l’adeguamento della normativa interna di riferimento. In materia sono stati eseguiti controlli, anche sulla controllata I.FI.VE.R. Spa, tesi a presidiare efficacemente i rischi sottostanti ed evitare sanzioni o danni di reputazione.

Il servizio ha prestato una consulenza continua e formazione ai colleghi al fine di un accrescimento del livello di consapevolezza del rischio collegato al riciclaggio e finanziamento del terrorismo ed un rafforzamento delle conoscenza in materia.

Ha inoltre curato l’attività relativa alla gestione dei reclami della clientela, sia per la Cassa sia per la controllata I.FI.VE.R. Spa, che ha permesso di monitorare le problematiche lamentate e predisporre, talvolta, interventi finalizzati alla loro rimozione.

La Revisione Interna è una funzione aziendale preposta, anche con verifiche in loco, ai controlli di terzo livello ed è autonoma rispetto alle altre funzioni di controllo.

Le attività dell’anno 2019, effettuate presso le filiali e gli uffici della Direzione Generale, risultano tese ad accertare il regolare andamento dell’operatività ed il rispetto delle disposizioni interne e di legge ed a valutare l’efficacia e l’efficienza della struttura organizzativa e delle altre componenti del Sistema dei Controlli Interni.

Particolare attenzione è stata posta sulla presenza di eventuali rischi attinenti l’attività creditizia ed a segnalare i rischi operativi più significativi, nell’ottica di una loro rimozione, riduzione o, se ciò non fosse possibile, di un loro monitoraggio.

Nell’ambito della propria attività esercita le proprie funzioni anche sulle altre società del Gruppo:

I.FI.VE.R. S.p.A.

Nel documento Cassa di Risparmio di Cento S.p.A. RELAZIONI E BILANCIO (pagine 40-43)