C – LA SITUAZIONE DELLA BANCA

Nel documento Cassa di Risparmio di Cento S.p.A. RELAZIONI E BILANCIO (pagine 29-34)

Attività dell’area crediti

Nel corso dell’anno 2019, da evidenziare anzitutto la modifica organizzativa interna che ha unificato i “poli credito” in un’unica struttura dedicata all’analisi del merito creditizio riguardante la clientela retail, con specializzazione degli operatori e dei deliberanti in funzione della qualifica della clientela (consumatori o imprese). Tale accorpamento che ha efficientato l’iter di delibera, ha pure comportato un adeguamento dei poteri delegati in materia di credito.

Tra le altre novità sono da segnalare l’attivazione di una nuova innovativa forma tecnica di affidamento portante la possibilità di prendere a pegno le quote latte del Parmigiano Reggiano e l’attuazione del processo organizzativo per consentire ai clienti di ottenere i contributi regionali previsti dall’Ordinanza n. 23 del 30 luglio 2019 per il rimborso dei maggiori interessi maturati per la sospensione delle rate mutui sisma 2012. In materia di regolamentazione interna, è stato rivisto ed affinato il processo per l’assegnazione dei rating manuali. Rilevante è stato anche l’impatto operativo, sia per le filiali che per il Polo Crediti, dell’emanazione del nuovo contratto dell’apertura di credito in conto corrente dedicato ai consumatori.

Nell’ambito del mondo crediti le attività ordinarie di analisi delle pratiche di fido hanno riguardato oltre 6.800 istruttorie, nella maggior parte accolte totalmente o parzialmente.

Per quanto riguarda la concessione diretta dei prestiti personali ai consumatori (attività ripresa nel 2016), nel 2019 l’importo erogato è stato di oltre 20 milioni, che ha portato il complessivo ammontare di capitale a scadere in essere ad oltre 42 milioni di capitale, con un importo bassissimo di insolvenza (meno di euro 50.000).

L’attività del 2019 dell’Unità Mutui e Crediti speciali è stata molto intensa, anche in considerazione del maggior ricorso all’utilizzo del Fondo Centrale di Garanzia, dei finanziamenti e delle attività riguardanti l’erogazione dei contributi per la ricostruzione del Sisma 2012. Il trend delle stipule dei mutui nel 2019 (diversi dai prestiti ai consumatori di cui sopra) si è ulteriormente incrementato di circa un 10% rispetto ai volumi del 2018. Il valore complessivo erogato è passato infatti da 549,82 milioni del 2018 a oltre 603,432 milioni nel 2019; ricompresi tra questi ed anch’essi incrementati (+7,0%) sono stati i mutui ipotecari, passati da circa 100 milioni di euro del 2018 a quasi 107 milioni di euro nel 2019, dei quali quasi 2,5 mln sono stati formati da surroghe attive.

Nell’ambito delle attività per agevolare la clientela nel pagamento dei mutui sono state effettuate rinegoziazioni sia ai sensi dell’ “Accordo per il credito 2019” (nuovo accordo in favore delle piccole e medie imprese (PMI) che prevede misure di sospensione della sola quota capitale delle rate relative a finanziamenti a medio/lungo termine, allungando le scadenze del credito), sia modifiche dei termini di rientro originariamente pattuiti, concordate consensualmente tra la Cassa ed i Clienti, il tutto riguardante oltre 500 clienti (moratorie personalizzate).

Sono proseguite anche altre attività, fra le quali citiamo l’erogazione dei finanziamenti per la ricostruzione (ricordiamo che la nostra Cassa è stata tra le poche banche ad essere stata immediatamente operativa): nel solo 2019 sono stati erogati 259 contributi a privati ed imprese, per un ammontare complessivo di oltre 37,5 milioni di euro. Il totale erogato di finanziamenti

“ricostruzione” dall’inizio dell’attività della banca (febbraio 2013) a fine anno e vicino a raggiungere i 379 milioni di euro, che corrispondono a 3.525 posizioni, i cui crediti nei confronti

30 aggiornamento delle perizie immobiliari, in linea con le indicazioni dell’Unione Bancaria Europea e di Banca d’Italia, nell’ambito AQR (Asset Quality Review).

L’attività del Servizio Recupero Crediti ha visto un forte impegno per la accelerazione dei recuperi dei crediti a sofferenze, anche sviluppando le attività transattive e le cessioni di singoli crediti. I recuperi conseguiti sono risultati euro 13.139.010 rispetto agli euro 12.270.095 conseguiti nel 2018; ulteriori incassi sono stati appostati al conto riprese di valore per complessivi euro 1.202.126,52. I recuperi complessivi nel 2019 sono quindi risultati pari ad euro 14.343.155,49, con un significativo ulteriore aumento del 13,62% rispetto all’anno 2018, che pure aveva già visto un forte incremento. L’esercizio ha introdotto anche un adeguamento della policy aziendale, con una valutazione ancora più prudenziale delle garanzie e delle previsioni di recupero dei crediti a sofferenze, con conseguenti maggiori accantonamenti dettagliati in precedenza.

Nel 2019 ha avuto avvio anche l'attività di Reeval , REOCO del gruppo. Sono stati effetuati i primi 3 modesti interventi nelle aste fallimentari. La società ha chiuso con una piccola perdita pari a 65.695 euro.

Attività dell’area finanza

Nel mese di dicembre è giunta a realizzazione la ricapitalizzazione di Banca Carige, con l’intervento decisivo del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi (FITD). Negli stessi giorni la Banca d’Italia ha però posto la Banca Popolare di Bari in amministrazione straordinaria. Anche in questo caso il FITD è intervenuto per far fronte a una carenza nei coefficienti patrimoniali, con un primo versamento di 310 milioni da destinare alla futura ricapitalizzazione alla quale dovrebbe partecipare anche il Tesoro tramite il Mediocredito Centrale.

L’andamento del mercato dei titoli di Stato, sul quale è allocata la parte preponderante del portafoglio di proprietà della Cassa, è stato influenzato anche nel 2019 per lo più da fattori di politica interna. Durante i primi cinque mesi lo spread tra il rendimento del BTP decennale e il Bund tedesco è oscillato tra 240 e 290 punti base, per poi iniziare una discesa in concomitanza con la correzione dei conti pubblici impostata dal governo Conte 1. A seguito della crisi di governo di agosto, con il conseguente cambio di maggioranza, lo spread ha poi continuato a scendere fino a un minimo di 130 punti base, salvo risalire durante gli ultimi due mesi anche a causa dei crescenti dubbi sulla tenuta della maggioranza di governo. L’anno si è comunque concluso con una diminuzione dei rendimenti compresi tra 52 e 137 punti base rispetto a fine 2018.

La gestione del portafoglio di proprietà è stata caratterizzata da un mantenimento di duration molto corta in esecuzione di una strategia di minimizzazione dei rischi di impatto sul patrimonio della banca , realizzando comunque utili a fine esercizio per 3,1 milioni per la parte obbligazionaria.

Le consistenze medie investite sono risultate in diminuzione rispetto al 2018 e sono state suddivise per circa il 60% nel portafoglio delle attività con impatto delle variazioni di fair vlaue sul patrimonio netto (FVOCI) e per il restante 40% nel portafoglio a costo ammortizzato. Si tratta per lo più da titoli di Stato italiani con scadenza comprese tra 2 mesi e 3 anni; la duration di portafoglio si è attestata in media a 1,25 anni, con la componente FVOCI avente una duration inferiore a un anno. Ciò ha consentito di limitare il rischio derivante da un eventuale incremento dei rendimenti di

mercato. Gli interessi netti generati dal portafoglio e dal finanziamento a tassi negativi del fabbisogno di liquidità da parte della tesoreria ammontano a 3,9 milioni.

La gestione del rischio di liquidità ha beneficiato di condizioni monetarie ancora favorevoli, dovuti a una politica monetaria che durante l’anno ha ripreso un orientamento espansivo, come testimoniato dal lancio delle nuove operazioni di rifinanziamento TLTRO3, dalla riduzione del tasso sulla deposit facility a -0,5 per cento e dalla ripresa del quantitative easing per 20 miliardi mensili a partire da novembre. Gli importi reperibili sul mercato dei depositi interbancari non collateralizzati sono ancora relativamente ridotti, ma la liquidità è rimasta abbondante sulle operazioni collateralizzate, come quelle di pronti contro termine effettuate sulla piattaforma MTS repo.

Per quanto riguarda i servizi di investimento offerti alla clientela, in un anno caratterizzato da un andamento generalmente positivo per la maggior parte delle asset class, si è assistito a un incremento delle sottoscrizioni di polizze assicurative ramo I e multiramo, a discapito delle gestioni patrimoniali, nonostante i buoni risultati realizzati, tanto in valore assoluto quanto se confrontati con i benchmark di riferimento.

Riguardo alle gestioni patrimoniali, nel corso del 2019 è stata lanciata la seconda edizione di una linea in ETF che prevede l’incremento graduale all’esposizione azionaria, con una logica analoga al piano di accumulazione, adatta a investitori dal profilo moderato, in particolare in momenti di elevata volatilità dei mercati finanziari. Tutte le linee sono gestite con ampia diversificazione, controllo del rischio e approccio multi-manager, che consente di scegliere i migliori prodotti presenti sul mercato in assenza di conflitti di interessi.

Nel corso dell’anno è proseguita la crescita del numero di clienti che si avvalgono del servizio di consulenza in materia di investimenti (pari a circa il 55% del totale), per il quale l’offerta prevede diversi livelli di servizio. In tutti i casi la consulenza è basata sulla valutazione del portafoglio complessivo del cliente e delle sue caratteristiche, allo scopo di individuare solo le soluzioni di investimento adeguate agli obiettivi che intende perseguire, compatibilmente al grado di rischio e alla sua dichiarata capacità di sopportare le perdite.

Attività di supporto commerciale

Nel 2019 la Direzione Commerciale ha proseguito nella cura delle relazioni esterne. In particolare, si è occupata di redigere testi e comunicati per i media in occasione degli avvenimenti più rilevanti per la Cassa ed il territorio, curando le attività di inserzione su quotidiani e periodici locali, nonché testate online di rilievo per l’attività della Cassa, sulle province di Ferrara, Bologna, Modena e Ravenna.

La Cassa si è come di consueto impegnata nelle consuete attività di sostegno al territorio tramite l’erogazione di sponsorizzazioni in ambito culturale, sportivo e sociale. Tra queste spiccano per importanza e prestigio il sostegno alla mostra “Emozione Barocca Il Guercino a Cento” e il Carnevale di Cento, in occasione delle quali sono state approntate forme di promozione particolari e pattuito tariffe agevolate a favore della clientela. Inoltre, sono state organizzate le attività di presidio degli stand della Banca in occasione delle Fiere estive a Cento e Pieve di Cento (Fiera di Cento, Festa dei Giovani e Cento Street Festival).

Anche nel 2019 è stata curata la realizzazione degli eventi interni ed esterni che hanno coinvolto dipendenti e clientela: del primo caso ne sono un esempio i tradizionali Auguri di Natale svoltisi presso il Centro Pandurera di Cento,del secondo l’inaugurazione della rinnovata filiale di Finale Emilia, trasferitasi presso una nuova sede.

In collaborazione con l’Unità Marketing e l’Unità Pianificazione Commerciale e CRM, la Direzione Commerciale si è occupata di progettare tutte le attività di comunicazione collegate al lancio del nuovo internet banking BEE BANK, con l’obiettivo di preparare la clientela all’utilizzo della nuova piattaforma: news sul sito, post sui social network e attività di email marketing. Sono state inoltre predisposte campagne online (social network e email) volte alla sensibilizzazione della clientela su

32

temi di sicurezza informatica quali tentativi di phishing, utilizzo di password diverse e costante controllo delle notifiche.

Con il contributo dell’Unità Pianificazione Commerciale e CRM, sono state predisposte le attività di digital marketing finalizzate alla promozione online del brand nonché alla raccolta di contatti interessati alle soluzioni della Cassa. Nello specifico, è stato progettato un processo di acquisizione e lavorazione di lead online (contatti). E’ proseguita inoltre l’attività editoriale sui canali social della Cassa (Facebook e Linkedin), oltre alle campagne pubblicitarie condotte tramite Google Ads.

Marketing

Sul fronte nuovi prodotti, nel mese di gennaio 2019 è partita la commercializzazione dei nuovi Nexi Smart POS, una nuova gamma di dispositivi POS di ultima generazione, dal design particolarmente innovativo, che integrano non soltanto le funzionalità del tradizionale POS, ma anche la stampante fiscale, la trasmissione telematica dei corrispettivi, in linea con le ultime disposizioni normative, oltre ad una serie di applicazioni per la gestione, per esempio, dei buoni pasto e di tessere fedeltà.

La gamma di Smart POS si è arricchita nel corso dell’anno con il lancio di Smart Pos Mini, dispositivi dedicati agli esercenti che operano in mobilità.

In collaborazione con Nexi sono state organizzate diverse sessioni formative dedicate alla rete finalizzate a diffondere la conoscenza e le potenzialità di questi nuovi strumenti di incasso.

Nel mese di febbraio è stata rilasciato Apple Pay ai clienti titolari di carta Nexi, dando la possibilità di associare la carta al digital wallet del proprio dispositivo Apple. Le carte di credito Nexi sono quindi ora associabili, oltre ad Apple Pay, a tutti i principali digital wallet: Samsung Pay, Google Pay, Fitbit Pay e Garmin Pay.

Nel mese di giugno è stato lanciato il nuovo internet banking privati della Cassa: BEE BANK, che ha sostituito il precedente INmyBank, si è reso necessario soprattutto per gli adeguamenti obbligatori previsti dalla normativa PSD2 in ambito di pagamenti online. Con il nuovo internet banking tutti i clienti sono stati migrati ad un nuovo schema di autenticazione che prevede l’utilizzo del token virtuale (Mobile Token ) tramite smartphone per l’accesso e l’autorizzazione di operazioni dispositive; solo una percentuale residuale di clienti ha scelto di continuare ad utilizzare il token fisico (Key Token). Il lancio della nuova piattaforma è stato accompagnato da una serie di iniziative di comunicazione in collaborazione con la Direzione Commerciale finalizzate alla promozione del nuovo prodotto: vestizione delle filiali, iniziative su social network, iniziative di email marketing.

L’Unità Marketing ha curato, prima del lancio del nuovo internet banking, una serie di sessioni formative, in collaborazione con l’Unità Pianificazione Commerciale e CRM e il Servizio Organizzazione e Informatica, rivolte alla rete e ai gestori, al fine di illustrare le principali novità della nuova piattaforma e dei relativi nuovi schemi di autenticazione.

Anche nel 2019 è proseguita l’attività di potenziamento della comunicazione verso la clientela attraverso l’utilizzo del canale dell’email marketing. Nel corso dell’anno, in collaborazione con la Direzione Commerciale, sono state realizzate una serie di comunicazioni finalizzate a promuovere soluzioni e prodotti della Banca, con un focus particolare su BEE BANK e le attività connesse alla migrazione alla nuova piattaforma di internet banking.

Sono riprese nel 2019 le analisi di Customer Satisfaction finalizzate al miglioramento dei servizi offerti alla clientela. Il programma di ascolto per il 2019 è stato realizzato attraverso interviste telefoniche della durata di circa 15 minuti effettuate dal personale qualificato di CFI Group, azienda che affianca la Cassa in questa importante attività. I risultati si mantengono molto buoni

migliorando di un punto sulla rilevazione precedente e posizionando Cassa di Risparmio di Cento più in alto dei principali competitor con un punteggio di 80/100 (competitor: 79/100). Per la prima volta è stato effettuato un focus su 288 nuovi clienti con l’obiettivo di indagare le motivazioni che li hanno spinti a scegliere la Cassa come istituto di riferimento. Tale analisi ha evidenziato un giudizio eccellente sul personale di rete, valutato in media 90/100, e un’elevata propensione a consigliare Cassa di Risparmio di Cento a amici e parenti per la qualità dei propri servizi.

Condizioni e Trasparenza

Tra il secondo ed il terzo trimestre sono stati ritoccati i tassi dei Time Deposit, dei Time Deposit StepUp e dei Certificati di Deposito.

In seguito al lancio, nel giugno 2019, dei prodotti Arca Vita e Arca Assicurazioni è stato aggiornato il conto corrente a pacchetto Made4You, inserendo questi prodotti tra quelli che possono generare uno sconto di 2€ sul canone mensile.

In conformità agli Orientamenti di Banca d’Italia relativi alla Remunerazione degli Affidamenti e degli Sconfinamenti di conto corrente, tra il terzo ed il quarto trimestre sono state azzerate le spese di tenuta conto e le spese di registrazione di ogni operazione per i conti tecnici di anticipo fatture, e sono state azzerate le commissioni su distinta su anticipo fatture, salvo buon fine disponibilità immediata (SBF – DI) e salvo buon fine valuta maturata (SBF – VM).

In recepimento della normativa in materia di trasparenza, per assolvere agli obblighi di informativa pre-contrattuale previsti da Banca d’Italia, ad inizio del 2019 sono stati rivisti i documenti di trasparenza delle aperture di credito in conto corrente per i clienti Consumatori.

Nell’ultimo trimestre sono stati creati i documenti di trasparenza dei finanziamenti esteri.

A fine 2019 è stata eseguita l’attività di aggiornamento di tutti i documenti di trasparenza alla nuova normativa PAD (Payment Account Directive), così come previsto dalla direttiva europea.

Tesorerie

Al 31 dicembre 2019 il numero di Comuni per i quali la Cassa risultava svolgere il servizio di Tesoreria è di 10:

Provincia di Ferrara: Cento, Poggio Renatico,, Vigarano Mainarda e Terre del Reno.

Provincia di Bologna: Castello d’Argile, Galliera e Pieve di Cento.

Provincia di Modena: Finale Emilia, Nonantola e Ravarino.

Il numero riferito agli Istituti Scolastici per i quali si presta invece il Servizio di Cassa è 7: Istituto Comprensivo di Pieve di Cento, Istituto Comprensivo 1 di Decima-Persiceto, Istituto Comprensivo 2 di San Giovanni in Persiceto, Istituto di Istruzione Superiore “Archimede” di San Giovanni in Persiceto, Istituto Comprensivo di Sala Bolognese, Istituto Comprensivo di San Pietro in Casale e Istituto Comprensivo di Vigarano Mainarda (fino al 31/08/2019 per incorporazione con IC Sant’Agostino).

Confermate anche le seguenti tesorerie: Partecipanza Agraria di Cento, Partecipanza Agraria di Pieve di Cento, Partecipanza Agraria di Nonantola, Fondazione Mantovani di Mirabello e Asilo Giordani di Cento.

Banca Assicurazione

Nel 2019 la Cassa ha rafforzato e consolidato il portafoglio assicurativo danni Stand Alone con portafoglio a fine anno di circa 1,5 mln di euro di premi; l’offerta stand alone è stata ampliata introducendo anche soluzioni assicurative dedicate alla piccola media impresa nei settori commercio ed artigianato ed accrescendo il focus sul comparto Protection con soluzioni dedicate alla protezione e tutela del patrimonio.

Importante la crescita nel corso del 2019, nella raccolta sui prodotti Multigaranzia in grado di soddisfare, con un approccio taylor-made, le differenti esigenze e bisogni della clientela potendo scegliere tra diverse garanzie sia Danni che Vita. Per quanto concerne la protezione del patrimonio immobiliare, sono state introdotte a listino soluzioni assicurative per la protezione da eventi catastrofali come il terremoto e sviluppate ed ampliate ulteriormente le soluzioni tecnologiche e telematiche per il monitoraggio dei rischi all’abitazione.

Nel comparto Auto è stato sviluppato , con la compagnia partner Helvetia, il nuovo prodotto Hi Drive che, grazie al dispositivo “Hi drive BOX”, permette di offrire un maggior servizio di assistenza in caso di incidente e di monitorare il proprio stile di guida.

34

Nel ramo assicurativo Vita Investimento e Risparmio, la Cassa si è concentrata, con le compagnie partner Eurovita ed Arca, sullo sviluppo di soluzioni di Ramo I affiancate da una crescente produzione sui prodotti Ramo III e Multiramo, sia a premo unico che ricorrente, in particolare sui segmenti Personal e Private. La nuova raccolta su prodotti Ramo III e Multiramo ha superato, nel 2019, la soglia di 9 mln di euro. Ulteriore crescita anche nel comparto Vita Protezione, grazie alla partnership con la compagnia assicurativa Pramerica, con un portafoglio complessivo di premi ricorrenti a fine 2019 di 3,9 mln di euro.

Alla scopo di efficientare ulteriormente il modello di servizio assicurativo, la Cassa ha investito sullo sviluppo della struttura di Bancassicurazione con l’obiettivo di accrescere e sviluppare ulteriormente le competenze consulenziali e commerciali della rete distributiva in ambito assicurativo Danni e Vita.

Pianificazione commerciale e CRM

Nel corso del 2019 l’Unità ha ulteriormente affinato le soluzioni per il supporto ed il monitoraggio della rete di vendita, tramite strumenti di geo-marketing, servizi di reportistica quali SQL Server Reporting Services, Infocenter Cedacri e l’aggiornamento del Focus On, piattaforma digitale proprietaria che consente, attraverso una visione sinottica, il monitoraggio delle attività delle filiali sulla base degli obiettivi assegnati.

Nell’ambito dell’innovazione tecnologica al servizio del cliente, nel corso dell’anno sono state eseguite tutte le attività che consentiranno ai titolari di BEE BANK, dai primi mesi del 2020, di utilizzare Plick, il nuovo servizio che consente di inviare denaro digitalmente dal proprio conto a chiunque in Europa (area SEPA), conoscendo solo numero di telefono o indirizzo email del beneficiario e senza che quest'ultimo sia cliente di una banca partner o abbia bisogno di registrarsi ad alcun servizio o app dedicata. Inoltre è continuata l’attività di supporto alla rete di vendita per il convenzionamento al servizio di pagamento Satispay e Satispay Business.

E’ stato avviato il primo progetto test di data-lake, servizio evoluto basato su una piattaforma in tecnologia big data che consente di prendere decisioni di business basate su dati, algoritmi e modelli di valutazione avanzati in ottica “Data Driven Banking”.

Verso la fine dell’anno, l’Unità ha iniziato le attività di supporto allo sviluppo del piano industriale 2020-2022.

Nel documento Cassa di Risparmio di Cento S.p.A. RELAZIONI E BILANCIO (pagine 29-34)