premo comando : aggiungrado , che con un tale scopo senza dubbio

Nel documento COMPENDIO GIORGIO CASTRIOTTO SOPRANNOMINATO SCANDEHBEO. dell tstobia PRINCIPE DELL ALBANIA. tomi due. 1 Digitized by Google (pagine 58-68)

il vedere un' estraneo^e dialtra na-zioneconseguire tutti gli onori, ed esseretralutt’i Turchi egli solo de-gnodimaggioriglorie.Quindi volen-doinspirargli l’infedeltàdel principe,

«suscitarglide’sospetti, incominciaro-no con scaltrezzaa rappresentargli, dovernssogiustamente temere, che r ambizione diquesto forestiere non loriducessea nutrirela miradel

su-premo comando

:aggiungrado , che con un talescopo senzadubbio aves-se procurato diguadagnaré 1'amore de’ soldatiedelpopolo mercèidoni, l'affnbilità,elasua dolcezza.

Amurat

sieraquasiinvecchiato

n^

trono, e

h

DigilizedbyGoogle

3i

suaetàavanzatalo àvevareso sospet-toso, efacilissimo a.prestarfedealle calunnie; onde riputandogl’inganni orditi aScanderbegda’suoicortigiani,

come

unachiarapruovadel loro

amo-rec zelo versolasuapersona, sta-bilìdi spegnereilprincipe: e sicura-mente non avrebbe posposto il

com-pimento delsuo empio disegno,seil destinononavesse vegliatosulla sal-vezzadiScanderbeg.

Inquesto frattempo siribellòil Principe dellaServia, ed ilSultano preparandosi a spedirgli contro delle truppe,non trovavaaltrapersonapiù idoneadilui per potercomandareil suoesercito; e conoscendo il di lui ardireerischiosocostume,sperava, che lanciandosi senza precauzione in

mezzo

aipericoli, era possibiled’ in-contraresicuramentelamorte:

ma

le suesperanzenon ebbero il desiato e-sito. Scanderbegsconfisse ilprincipe della Servia in varj fatti d’ arme

,

s’impadronìquasidi tuttelesue

cit-DigilizedbyGoogle

Ss

, ericondusselasuaarmatatrioni' fante, ecaricadibottino.

Amurat

, ilqualeesternamente'avcastabilitoil"

diluiesterminio,

ma

che non vole-vamostrarsi

come

laprincipalecausa _ ditalescelleratezza, pensò di ten-dereal valoredelprincipe un’insidia oscura, enonsospetta; ondeordinò dipubblicarsi,chesi apriva uno sta-dio

,ove gliatleti dovrebbero esegui-rediversiduelliapiedieda cavallo, eeh’erano stabilitipreraj considera-bili peri vincitori. Egli eracerto, cheScanderbeg spinto dalla sua na-turalegrandezzad’animo, e dal de-sideriodella gloria,non avrebbe

man-cato a presentarsiper combattere con qualunqueatleta.

Amurat

contal mez-zosperava, che'tra i suoiproprj uf-ficiali, eforestieri, iqualisarebbero accorsi asimili combattimenti, fosse statopossibiledi trovarsiqualcheduno abbastanzaforteper vincere il princi-pe, eliberarloda unsoggetto,la di cui vistagli siera resa

insopportabi-Digilizedby

53

le; nulladi

meno

nonolletine 1’ in-tento delsuo desio. Scanderbeg fu sempre vincitore in questi combat-timenti, ed

Amurat

consua estre*

ma

rabbiasi trovò costretto a coro-narecolleproprie mani lavincitrice lestadi colui, che internamente

bra-mava

la morte; e quante maggiori difficoltàincontravancU’esterminareil principe,vieppiù si accendevalasua micidiale

brama

inmodo,chesi ridus-se a non poterla piùnascondere a’

suoi cortigiani. Finalmente Scander-beg avendo rilevatiipensieridel Sul-tano, e pievedendo 1’imminente* pe-ricolo stabilìdifuggire dallesue reti,-avvalendosi dellaprima occasione,la quale nonlardò avenire. Il

Papa

Eu-genio

IV

vedendo che i Turchis^ in-grandivano sottomettendo molte pro-vincie delcristianesimo,ed abbatten-do ildivinsegnodellaredenzione, in-nalzandoin suo luogolamezza Luna, Spedìambasciatori atutt’i

Re

,e Prin-cipicristiani, persuadendolied

ecci-34

tandoliadunirsiinsieme controdegP infedeli per impedireilorogiornalieri progressi. Ilprimo traisovrani,eh’

eglitrovò intenzionatoe premuroso divendicareiCristiani fuLadislao

Re

diUngheria, ediPolonia, ilquale confrettaradunòtruppe permarciare controdi

Amurat

,erimettere il prin-cipedellaServianelle sue provincie.

L

famoso Uniade (i), Principe

del-(i)Egli

cìdamavasi

Giovanni Corvino.

Fu uno

de'più,grandi ca-pitani delsuo secolo, ilquale

com-battèsempre

da

eroe controi Tur-chi, e

guadagnò

delle importanti battaglie negli anni i44^t ^ *44^

contro igeneredi di

Amurat

,

che

costrinse

a

levar tassedio di

Bel-grado

,

dopo

averlo tenutosette

me-si.

Nominato

dal suddettoLadislao,^

(essendo

anche

generale dellesue armi) governatole dell'Ungheria^

rendèilsuo

nome

cosìformidabile ai Turchi,,

che

ilorofanciulli

non

DigitizedbyGoogle

35

laTransilvania, edellaVallacchia,

unì ancor egli lesuetruppe aquelle

udivano

pronunziarlo^ che

con

ter-rore: in

modo che

V appellavano JaniusLaen, cioèGiovannilo scel-lerato.

Impedì

egli

a Maometto II

lapresadi

Belgrado

, che questo Sultano

aveva

assediatanel e morì

a Zeimplen

li 13 settembre dello stesso anno.

Maometto

dimo-stiò

un sommo

doloi'e perlamorte di questo eroe,

erasolito chia-mai'e ilpiu

grande uomo

,che- aves-se portatele armi. Si stimò altre-sìsventurato, per

non

esservipiù testa bastantementeillusiìv nell'uni-verso, contro cuipotesse rivolgere le sue armi per vendicarsi dell aj-fionto

che aveva

ricevutodavanti

a

Belgrado.Il

Papa

Callisto

III

versò dellelagrime nell udire lamorte di questo capitano, etutt'i Cristiani ne

furono

affiliti

.

(Enciclopedie u-niverselledes

hommes

illusires )

.

36

diLadislao, e1’esercitode’Cristiani in poco tempo si trovò compostodi 55 a armati. Aniurat

infor-mato

de’preparativi fatti contro di se,diedeordinechedi frettasi radu-nassero isuoicsei’citi; e primieramen-te

mandò

Scanderhcg con aomila uo-mini perunirsi colBassadella Mace-donia

(ilqualemarciavacontroi Cri-stianiconsufficienti forze) ; cd alle-stitaun’armata digomila, s’affrettò ancoreglidiunirsi al suo restante e-sercito. Uniade avvisato per

tempo

dell’intenzione

, edellamossa di

A-murat stimòsuo dovere Tanticipare ladilui venuta

; per cui staccando dall’esercitoCristiano iornila soldati scelti, si affretta digiungereilBassa, e batterloprima dellasua riunionecol Sultanosenzatemereilsuperiore

nu-mero

de’nemici, ilqualesorpassava di4omila. Varjaiitoririportano,che Scanderhcg gli avesse dato furtiva-mentequesto consiglio, promettendo di darsiallafuga, colcorpo de’fto

DigitizedbyGoogle

57

lUÌladàluicomandato,nelprincipio del»

labattaglia. Questoprincipe giudicò teleoccasione,

come

lapiù opportu-naperabbandonare iTurchi, eria»

yereilesuo paterno scettro:vedremo in seguito quai merzi adoprò ondé condurreafineil suoscopo. Uniade allatestade'suoitornilasoldati, pas-sandoun fiume, cheloseparavadall^

esercitodegliOttomani,li battècon tantofurore,cheilBassa da princi-pio fu costretto a retrocedere;

ma

ve-dendoessereilcorponemico piccolis-simoin paragonedelsuo,lomisedi Ijel*nuovoinordine, esi prefisse di resistereconfermezza alloro attacco.

Uniade sperando, che Scanderbeg a-vrebbe sicuramente serbataladilui promessa,continuò lapugna col

me-desimo ardore. 11Bassà difendevasi conunaintrepidaresistenza',

ma

quan-do vide, cheun’

uomo

tantofamoso pelvalore, quantoloeraScanderbeg, esudi cuiavevatuttelesue speran-ze,principiava a diramarsi,e

volger-Scand, 1 4

DigitizedbyGoogle

58

siquasi infiigacollesuetruppeyfu all'istantepresoda unterrore,il qua-lepoco apoco comunicato atutt’i soldati, liridussein tantaviltà,che appena osavano,

come

dissero, a di-fendersi, ICristianivieppiù incorag-gili dall’improvvisapusillanimitàde’

nemicipiombarono su di loro

come

leoni infuriati, ene trucidarono

un

grandissimonumero.Scaiìderbegalla finevoltòtotalmentelespalle, e la-sciò Uniade a continuarelastrage de-gli Ottomani. I Cristiani allora ne uccisero! la maggiorparte, efecero molti prigioniericoilorocapi, all' in-fuoridelBassà,ilquale fortunatamen-tesisalvòcollafuga. Questa batta-gliaavvennenel i44o

Scanderbegallontanatosipoco lun-gidal

campo

dibattaglia; sinascose inun luogoappartato, dal quale os-servavaconfaciltà tuttociò,che ac-cadeva, edallorchévideicristiani vin-citori, ed iTurchidistrutti intiera-mente, ritornò nel loro

campo

,eprer

DigitizedbyGoogle

se ilSegretario'delBassk, chein tut-toiltempodelcombattimento non ave-vamai perdutodivista.In quel tem-poeracostumepressogliOttomanidi darsiilsigillo del Sultano ai Bassa;

poichéiloroordinisigillati''conesso, sidisbrigavanocolla stessaprestezzaed attenzione,come.sefossero, stati ema-natidirettamente dal

Trono:

i.Bassà poilo;consegnavanoiailoro^confidenti segreta!*) per sigillarei scritti>da essi comandati, Scanderbeg dunque costrin-sequesto Segretario a scriveredaparte delBassa un’ ordinealGovernatoredi Croia

, contenentequanto segue:,, I ,, Cristianihannoottenutaunavittoria ,,completasulle nostre anni; e

te-mendo

,cheapprofittandosidi

qué-,,stolorofeliceesito, nons’inoltrino anchenell’Albania , e'la'sott<)met-tano ho stabilitodi affidare la'Cir»

,, stodia dital(regione aScanderbeg,

,,il quale

mi

è sembrato1’unica

per-„

sonaattaadifenderla; ondecol

pre-„

sentetiordino a consegnargli senza

I

¥

Nel documento COMPENDIO GIORGIO CASTRIOTTO SOPRANNOMINATO SCANDEHBEO. dell tstobia PRINCIPE DELL ALBANIA. tomi due. 1 Digitized by Google (pagine 58-68)